Martin senza rivali nella cronometro Oggi la passerella

Pèrigueux Il penultimo atto di questo Tour targato Italia (oggi sarà premiato come corridore più combattivo del Tour il nostro Alessandro De Marchi) è una formalità. Tony Martin, il campione del mondo delle prove a cronometro era il grande favorito e non ha tradito le attese. Il tedesco già vincitore di una tappa, ha fatto il bis strapazzando tutti nella prova che più lo vede a suo agio. Alle sue spalle, staccato di 1'39” l'olandese Tom Dumoulin, terzo il ceko Jan Barta che ha lasciato per strada 1'47”, mentre il nostro Vincenzo Nibali ha chiuso con un ottimo quarto posto che gli ha consentito di incrementare ulteriormente il proprio vantaggio su tutti i diretti avversari. Il siciliano chiude con un gap dal tedesco della Omega di 1'58”.

Oggi, nell'ultima tappa dei Campi Elisi, una pura formalità, saliranno sul podio il campione d'Italia e due francesi: il vecchio Jean Christophe Peraud e il giovane Thibaut Pinot. Lo spagnolo Alejandro Valverde incassa l'ennesima delusione e resta giù dal podio. La quinta piazza è per l'americano Van Garderen che, per soli 2”, la soffia al francese Romain Bardet, rallentato anche da una foratura. Oggi ultima tappa, da Èvry a Parigi: 137 km. Partenza alle 15.45, arrivo previsto attorno alle 19. Poi la cerimonia di premiazione.