Massa e Webber il tonfo dei «vice»

VETTEL 9 Primo Attacca al via e in rettilineo affianca Hamilton e lo passa a Les Combes. Dopo il secondo pit il box gli dice «adesso spingi perché c'è rischio di pioggia». È l'unico momento di pathos – si fa per dire – prima degli urletti di rito sotto il traguardo. Perfetto, ma niente dieci. Se guidi Red Bull è troppo facile.
ALONSO 7 Secondo Parte che meglio non si può e da nono è quinto in un barbatrucco. Magia figlia del suo talento, del sistema di partenza della Rossa e di quel zigzagare matto e attento al tempo stesso che gli ha permesso di beffare entrambe le Lotus senza ritrovarsi di nuovo Grosjean sulla testa. Carico a palla, Fernando ha sverniciato subito dopo Button, al sesto giro Rosberg e dopo il pit, giro 15, ha sfruttato l'errore di Hamilton arrivato un filo lungo al tornantino de La Source. Et voilà, di velocità all'Eau Rouge niente da fare per Lewis. A quel punto «un po' di noia» come ammetterà lui, conscio che, vista la manciata di secondi di distacco, nulla avrebbe potuto fare contro Vettel e la Red Bull. Voto complessivo, qualifiche e gara, 7: 10 per il Gp e 4 per l'errore di sabato in q3. Voto alle sue esternazioni: 10. Per i giornalisti valgono oro. Per la Ferrari un cicinino meno.
HAMILTON 6,5 Terzo Evita guai al via ma pasticcia a La Source e affronta con meno velocità Eau Rouge e Radillon. Vettel passa e ringrazia. Fa gara da calcolatore che non è da lui ma è da grande campione. Lo è diventato. Gli mancava solo un po' di testa. Ora ce l'ha.
ROSBERG 6 Quarto Guadagna al via approfittando del brutto start di Webber ma è solo un miraggio. Poi diventa trasparente. Anonimo. Il Gp se lo dimentica. Riappare sotto il podio, ma nessuno ci crede.
WEBBER 4 Quinto Più o meno parte a marcia indietro. Ma come si fa a sprecare tutto quel ben di dio che gli ha messo a disposizione mago Adrian Newey?
MASSA 4 Settimo Ad un certo punto, subito dopo il via, è stato fagocitato da casini vari. Dirà: «In più è diventato tutto nero sul display del volante, i dati... e c'erano problemi, il kers non funzionava, non capivo più, ho perso dei giri…». E Button con la McLaren tenuta assieme dallo spago gli è finito davanti. Parliamone…
RAIKKONEN 6 Ritirato. Gara tormentata da problemi ai freni. E primo ritiro dopo 27 Gp a punti.
GREEN PEACE 10. Al loro piano In F1 gente così vincerebbe mondiali come manager. Giorni fa hanno montato striscioni radiocontrollati a distanza che si sono srotolati sul podio durante l'inno. Un paio di loro uomini si sono lanciati col parapendio atterrando sul tetto dei box. Una donna ha comprato il costosissimo biglietto del paddock club (almeno 2-3mila euro) per cercare poi di saltare sul podio al momento opportuno. Il tutto per protestare contro la Shell per le trivellazioni nell'Artico.BCLuc