Max, baby spericolato che la fa sempre franca in nome dello show

La F1 in crisi lo protegge. E Verstappen alza i toni: "Le critiche di Villeneuve? Chi ha ucciso taccia"

nostro inviato a Monza

Il problema della Formula Uno non è Max Verstappen, ma la Formula Uno. Lo sport che fu dei cavalieri del rischio diventati nel tempo impiegati del rischio ha infatti deciso di cambiare di nuovo pelle. D'ora in poi si affiderà ai bambini viziati del rischio. Di cui il diciottenne olandese è cavia e prototipo al tempo stesso. Se si trattasse di un cambiamento naturale potremmo anche storcere il naso per certe intemperanze del ragazzo e intanto però accogliere favorevolmente il fenomeno. Però non lo è. Non c'è nulla di naturale in quanto sta accadendo. Peggio. C'è qualcosa di artificioso: la Fia che chiude un occhio sulle sue scorribande (qui a Monza solo un blando avvertimento). E di irrispettoso: il ragazzino della Red Bull paragonato dalla critica a mostri duri e puri della guida come Senna e Mansell e lo stesso Schumi che quando sbarcò nel Circus, con certe manovre, fece subito girare parecchio le scatole ad Ayrton.

La verità è che Max sta a gente come il mitico brasiliano e il grande tedesco come i sorpassi veri a quelli con le ali mobili. Perché si può avere talento, si può avere coraggio, si può osare, tentare, provare, ma se lo si fa con il placet, la copertura, la protezione, la benevolenza degli arbitri, allora non va più bene. Il problema della F1 non è Verstappen dopo la gara vendicativa in Belgio ai danni di Raikkonen («le Ferrari hanno rovinato la mia gara e io ho fatto di tutto per non cedere loro la posizione»), ma chi governa il Circus che invece di rifilargli due sberle, come faceva papà Jos quando sbagliava sui kart, chiude un occhio anzi due perché questo fa show. In fondo è lo stesso approccio «innaturale» che negli ultimi anni ha animato certe regole come, appunto, le ali mobili, che consentono sorpassi a doppia velocità a chi sta dietro. Come se all'ultima vasca si mettessero dei piombi alle caviglie di Michael Phelps. Meglio puntellare lo show di uno sport morente consentendo a un bimbo viziato del rischio di creare pericoli, piuttosto che insegnargli che a 300 all'ora certe cose non si fanno. Eppure in passato non esisteva alcun buonismo pro spettacolo per i duri come Peterson, Scheckter, Mansell, Senna e lo stesso Schumi. Se peccavano, venivano puniti. Punto. Anche perché le manovre di Verstappen vanno spesso contro l'ABC di questo sport: «Su piste come Monza c'è il rischio di ammazzare qualcuno» ha spiegato alla Gazzetta Jean Alesi.

Ecco. In quell'«ammazzare qualcuno...» c'è tutta l'essenza degli errori che la F1 sta commettendo nel gestire il ragazzo. Preoccupazione condivisa anche da Jacques Villeneuve, a cui Max risponde da impunito qual è ricordando un episodio del 2001, quando una gomma staccatasi dall'auto del canadese colpì mortalmente un commissario: «Dovrebbe stare zitto, ha ucciso una persona. Le sue parole sono irriguardose nei confronti della famiglia di quel commissario». Parole da duro. Ma i duri di una volta correvano rispettando l'ABC perché l'ABC era la base della sopravvivenza. Ora i progressi nella sicurezza fanno pensare che queste monoposto siano indistruttibili e che i piloti guidino delle playstation. Lo può pensare un diciottenne talentuoso e viziato come Max. Lo può pensare il pubblico. Non lo deve pensare chi governa questo sport.

Commenti

precisino54

Sab, 03/09/2016 - 16:46

Alle parole di censura di Niki si aggiungono quelle di Alesi e di Villeneuve, ed ecco che l'impunito Max pensa di rimbeccare parlando del tragico incidente che vide la fine del commissario. Sono assolutamente certo che in quel caso Jacques non fu che un involontario artefice. Max invece ritiene di poter scientemente penalizzare l'avversario sino al limite della scorrettezza. Ed ancora c'è chi sostiene che le parole di Niki fossero scorrette! A questo punto sono convinto che non servono le paternali ma è necessaria una corposa penalità magari di un paio di Gp saltati o addirittura il ritiro della licenza.