Max Biaggi: "Ho rischiato la vita, ​ma ora so quanto conta l'amore"

In una lunga intervista al Corriere della Sera, Max Biaggi racconta il trauma che ha subito e come l'affetto dei cari lo abbia aiutato a superare i giorni critici in ospedale

Max Biaggi è tornato a casa. Ha 12 costole rotte, è appena uscito dall'ospedale e dovrà iniziare un lungo percorso di riabilitazione per tornare in forma, ma non si lamenta del dolore fisico e dei contraccolpi psicologi del brutto incidente di Latina. In una lunga intervista rilasciata al Corriere della Sera racconta quanto i suoi cari lo abbiano supportato in questi giorni così critici.

"Mio padre si è spaventato tanto. Pensi che mi ha pure tenuto la mano – dice -: erano 45 anni che non lo faceva! È stato bellissimo. Con Bianca Atzei non ci stacchiamo mai già nella vita di tutti giorni. Avevo e ho un gran bisogno di lei. È il mio angelo custode, la persona che amo più di tutte al mondo. Con i miei figli cercavo di fare quello sano, ma più di tanto non ce l'ho fatta…".

L’esperienza traumatica che ha vissuto gli ha fatto capire quali siano le cose più importanti della vita. "L'amore generato da un figlio, da una famiglia, da una compagna non lo percepisci davvero fino a quando non ti trovi sul baratro. Ho capito che non dobbiamo trattenere i sentimenti ma dare e dire quello che si ha dentro sempre, non solo nelle difficoltà. L'amore che dai torna: quello arrivatomi da ogni parte del mondo e da tanta gente sconosciuta mi ha commosso. Altro che vincere un Mondiale...".

Certo è che, nonostante la serenità ritrovata, l'incidente del 9 giugno sia stato piuttosto grave. "Il primario della rianimazione, Claudio Ajmone Cat, mi ha spiegato la gravità del trauma e mi ha detto che con questo tipo di trauma toracico maggiore sopravvive solo il 20 per cento dei pazienti. Lì, lo confesso, me la sono fatta addosso dalla paura".

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 30/06/2017 - 15:51

Che mattoni che siete, tra questo e la belen ci avete fatto 2 maroni...