McGregor assale un pullman. Poi si arrende alla polizia

Conor McGregor, ex campione MMA si è reso protagonista di una violenta aggressione a un pullman della UFC: dopo una notte folle si è arreso alla polizia

Conor McGregor, star della UFC, è finito nei guai. L'atleta dopo avere provocato una rissa e aver trascorso una notte folle si è consegnato alla polizia New York.

L'attacco

In un filmato diventato virale, il rivale di Floyd Mayweather Jr nello storico match del 26 agosto, è ripreso mentre scaglia oggetti contro un pullman di atleti impegnati in una serata di combattimenti al Barclays Center di New York, insieme ad altre 20 persone.

Dopo la resa alla polizia e l'interrogatorio, la posizione del campione è in fase si esame, anche se nel video si vede chiaramente il nordirlandese lanciare bidoni della spazzatura e anche una barriera in metallo contro il pulmino. Non solo: secondo la polizia McGregor avrebbe ferito una persona lanciando un carello. (Qui il video dell'assalto)

L'UFC, organizzatrice dell'evento, ha comunicato - tramite un nota stampa - che "le persone coinvolte nell’incidente non sono le benvenute per la cerimonia del posizionpeso di domani o per l’evento di sabato al Barclays Center", spiegando inoltre come l'aggressione sia inaccettabile.

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 06/04/2018 - 11:59

10 anni di galera e vedi che si calma.

hectorre

Ven, 06/04/2018 - 16:45

chi pratica questo "sport", violenza allo stato puro, ha seri problemi mentali...come pena?...spaccare pietre per qualche anno, vedi come si calma!