Mercato dei sogni possibili ma prima bisogna far cassa

Papà Higuain chiama la Juventus. Pjanic si allontana dalla Roma. E De Laurentiis teme scherzi sulla clausola da 63 milioni di Cavani

«Non c'è ancora nessuna firma ma posso assicurare che le trattative con Arsenal e Juventus sono in fase avanzata». Lo ha detto Jorge Higuain, papà del centravanti del Real Madrid. Un botto che fa pensare che in fondo siamo ancora al nostro posto, si tratta, si compra, insomma si mercanteggia.
In realtà ci sono delle priorità. Prima di tutto vendere, sganciare, alleggerire, sfoltire, abbassare, al limite spalmare. Ci sono lì Tevez, Higuain, Villa, Gomez, Honda, Dzeko, Suarez e Dragovic, ma prima occorre fare cassa stando attenti alle pieghe del mercato e delle clausole.
Il rischio altissimo per Aurelio De Laurentiis sono quei 63 milioni inseriti sul prolungamento del contratto siglato il 31 agosto scorso con Edinson Cavani. Una conferenza stampa in grande stile organizzata dal produttore cinematografico, solo posti in piedi per assistere alla storica firma sul prolungamento fino a giugno 2017, ingaggio di 5mln a stagione, clausola rescissoria valida fino al 10 agosto. Dopodiché, come temono a Napoli, può succedere di tutto: «Credo che questa storia si chiarirà entro il 20 luglio, cioè quando tornerà dalla Confederations cup - ha detto in un'intervista De Laurentiis a Radio Rai -. Se non dovesse essere così? Vorrà dire che gli sfascio la testa...». Un po' pesante ma anche il rischio lo è: «Non credo che Cavani andrà via proprio il 10 agosto quando scadrà la sua clausola rescissoria - si augura -. Confido in lui perché lo considero un vero uomo. Spero che rifletta e non mi faccia scherzi». Situazione da paura perché 63 mln cambiano il mercato e almeno un paio di stagioni. De Laurentiis aveva pensato a tutto per bene, 60mln una cifra ritenuta sufficiente a garantirsi un futuro antistress, i tre milioni in più per Danubio e Palermo come premio di valorizzazione del giocatore. Adesso invece il patron teme colpi bassi, gira la voce che nei cartelli e negli striscioni anti-Matador che spuntano in città ci sia una regia occulta, a parole lui è in una culla, chiaro segnale alle pretendenti, nei fatti tutti aspettano solo che se ne vada, possibilmente prima che sia troppo tardi. «La scadenza della clausola a ridosso dell'inizio del campionato? Ma chi l'ha detto che lascerò andare via Cavani il 10 agosto?», ha concluso De Laurentiis che rilancia a una muta di pretendenti le sue ansie. Le Parisien è certo che il dg Leonardo abbia ripreso i contatti, dopo Real Madrid, Chelsea, e Manchester City adesso c'e anche il Paris Saint Germain, ma nessuno pronto a versare 63 mln, tutti aspettano che De Laurentiis crolli e con lui il costo del cartellino di Cavani che nella prima settimana di luglio inizierà a rilasciare dichiarazioni di affetto e riconoscenza verso la città ma uscirà prepotentemente allo scoperto.
Ufficialmente sono incedibili fino ad offerta scandalosa Handanovic, El Shaarawy, De Rossi, Hernanes e Marchisio, così come lo era Miralem Pjanic. Il bosniaco ha chiesto un aumento di ingaggio e garanzie tecniche a Rudi Garcia, due segnali inequivocabili di chi vuole cambiare maglia. La Roma ufficialmente continua a dichiararlo incedibile, prassi consolidata quando un giocatore è sul mercato. Talento, intuizioni, carattere fragile, questi i giudizi sul suo conto, ritenuto psicologicamente gracile e in Francia danno il suo passaggio al Borussia Dortmund praticamente già chiuso attorno ai 15 mln. Non riusciamo neppure a tenere Josip Ilicic che non retrocederà in serie B con il Palermo. Zamparini lo aveva pagato poco più di 2 mln e gli aveva fatto firmare un quinquennale a 300mila euro, adesso ne vuole almeno 15 e da noi c'è solo la Fiorentina che ci sta lavorando sopra ma limando sul prezzo. Problema che pare non ci sia a Leverkusen, con il Bayer pronto a formalizzare la sua offerta di 11 mln. Anche lo Zenit di Spalletti sarebbe interessato allo sloveno che in più di una occasione ha ripetuto il suo desiderio di rimanere in Italia. Contatti con Roma, Lazio, Milan e Fiorentina, dove sarebbe l'ideale sostituto di Stephan Jovetic, ma nessuno ha i 15 mln che vuole Zamparini che sarà costretto ad aprire un'asta e prendere quello che arriva, sarà comunque una megaplusvalenza.
Il Monaco cerca Guarin, l'ultima arriva da fichajes.net. Il Siviglia, nono in Liga ma grazie alla squalifica del Malaga e alla mancata licenza Uefa del Rayo Vallecano, qualificato ai preliminari di Europa League, sta per formalizzare un'offerta da 20 milioni per Riccardo Montolivo, e dice di pagare cash. E questa non è una voce di mercato, è una provocazione.

Commenti

cicero08

Lun, 24/06/2013 - 11:00

Le idee chiare bisognava averle in marzo per poi programmare ed agire di conseguenza. Oggi, soldi o non soldi, è solo un gioco ad inseguimento...

ripper

Lun, 24/06/2013 - 13:19

Per essere precisi: la scadenza della clausola rescissoria per Cavani non significa che dopo il 10 agosto può andarsene ovunque. Significa esattamente il contrario e cioè che può andarsene solo al costo che decide De Laurentis. E quindi anche 100, 1000 milioni. Prima del 10 agosto può andarsene, senza controfirma della società Napoli, solo se qualcuno versa per intero i 63 milioni (+ 7) previsti dal contratto.

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 24/06/2013 - 14:38

Ormai la serie A e' come l'italia : fallita, senza soldi, terra di conquista.