Il Milan acciaccato prende Silvestre spinge su Honda e aspetta Ljajic

Il difensore dell'Inter arriva in prestito per un milione. Oggi la sfida con il Manchester City

Una tre giorni di passione, con la fretta di dover chiudere a tutti i costi per correre ai ripari in vista di un preliminare di Champions League importantissimo. Per il Milan il periodo è decisamente nero: prima gli infortuni di Robinho e Bonera, avvenuti domenica. Poi quelli di De Sciglio e Mexes, freschi di ieri. Come se non bastasse, oltretutto, Massimiliano Allegri è ancora in alto mare, perché con così tanti giocatori ancora fermi ai box (oltretutto Balotelli, Montolivo e Zapata raggiungeranno la squadra a Francoforte solo domani) è assai difficile far partire la parte tecnica della preparazione. Ieri, però, è arrivata la prima buona notizia: la società rossonera ha definito con l'Inter l'arrivo, in prestito con diritto di riscatto, del difensore argentino Matias Silvestre, già al centro di diverse trattative di mercato. Ad annunciarlo lo stesso Adriano Galliani prima della partenza per Monaco di Baviera dove oggi i rossoneri esordiranno nella Audi Cup contro il Manchester City (ore 18.15, diretta su Italia 1). Costo dell'operazione: un milione di euro per il prestito più altri quattro per il riscatto. A conti fatti, ci guadagnano tutti: l'Inter si toglie dal bilancio e dalla rosa un giocatore in esubero, il Milan pagherà la metà rispetto alla prima richiesta economica dei nerazzurri e lo stesso giocatore, che nelle scorse settimane ha rifiutato Parma e Genoa, ha ottenuto quello che voleva, una squadra di pregio.

Oggi, intanto, ci sarà un nuovo incontro tra Umberto Gandini, «ministro degli esteri» di casa Milan, e il presidente del Cska Mosca, Genier. Argomento della discussione, ovviamente Keisuke Honda: uno spiraglio in più c'è, l'infortunio di Robinho a Valencia ha dato un'accelerata notevole alla trattativa. Il Milan è pronto ad alzare ma non di troppo l'offerta fatta (quella attuale è di tre milioni di euro, i russi ne chiedono cinque). Tenendo sempre d'occhio quello che accadrà a Firenze: il presidente della Viola, Mario Cognini, ha già in agenda un appuntamento con Fali Ramadani, agente di Adem Ljajic. Se si troverà una soluzione, sarà rinnovo di contratto, altrimenti il giocatore verrà ceduto. E il Milan aspetta.
Dall'altra parte del naviglio, intanto, l'Inter ha quasi definito l'ingaggio di Wallace, esterno destro del Chelsea classe 1994, che non può giocare in Inghilterra in quanto non ha ottenuto il permesso di lavoro.

La Lazio ed Hernanes hanno iniziato le discussioni per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2015, mentre sono stati ufficializzati gli arrivi di Greco al Livorno, Berisha al Chievo e soprattutto Marzouk alla Juventus. Si blocca invece, almeno al momento, l'arrivo di Martinez al Napoli.