Milan e il nodo Bacca con il Villareal

Per il colombiano gli spagnoli non sono intenzionati a versare i 15,5 milioni richiesti dalla società rossonera; altre soluzioni al vaglio, ma situazione da risolvere prima di pensare all’attacco

Il Milan, prima di dedicarsi ad un’eventuale strategia per il settore offensivo nella prossima stagione, deve risolvere il caso Bacca.

Per il giocatore colombiano esiste il diritto di riscatto da parte del Villareal che però non avrebbe intenzione, stando a quanto riferito dai principali media spagnoli, di versare l’intera cifra di 15,5 milioni di euro pattuita coi rossoneri nella scorsa estate, ritenuta decisamente eccessiva.

Dal canto suo il Milan non pare intenzionato a far sconti: visti i 15 gol complessivi messi a segno dall’attaccante nella scorsa stagione, non esiste motivo alcuno per poter pensare ad una sua svalutazione. Tuttavia il fatto che Bacca compirà 32 anni nel prossimo settembre, unito all’elevato ingaggio percepito dallo stesso (la cifra si aggira intorno ai 4 milioni di euro), potrebbero rappresentare un deterrente per il Villareal, che punta ad una riduzione del prezzo del riscatto: la cifra a cui gli spagnoli starebbero pensando oscilla tra gli 8 ed i 10 milioni al massimo. Inoltre lo stesso attaccante ha fatto sapere, per bocca del suo procuratore, di voler rimanere al Villareal anche nella prossima stagione.

Resta ancora la carta-mondiale da giocare per il Milan, con la speranza che il calciatore possa ben figurare e segnare per la sua Colombia attirando l’attenzione di altri eventuali pretendenti, disposti a sborsare cifre più elevate. Restano ai margini le ipotesi Galatasaray e Trabzonspor, così come quella relativa al campionato cinese, mete poco gradite al’attaccante. Piuttosto, nel caso in cui saltasse l’accordo col Villareal, pare più probabile un ritorno al Milan da parte di Bacca: in effetti ormai Montella, con cui i rapporti sono stati tesissimi, è lontano da Milanello ed il colombiano potrebbe comunque giocarsi delle chances.

Stando sempre ai media iberici, nel frattempo, il Milan guarda in Spagna anche per altre soluzioni: una è quella legata al nome di Simone Zaza che, nonostante un’ottima annata al Valencia (12 le reti messe a segno), non dovrebbe più rientrare nel progetto tecnico di Marcelino. I rossoneri restano dunque attenti, in attesa di definire il futuro di Kalinic e Andre Silva, ma sognano un’altra soluzione per il reparto offensivo, strettamente connesa al futuro di Alessio Romagnoli, entrato nel mirino del Real Madrid: la pazza idea sarebbe quella di richiedere ai Blancos l’inserimento nella trattativa di uno tra Ceballos e Benzema, col secondo che sarebbe estremamente gradito e non solo ai tifosi.

Per qualsiasi sviluppo bisognerà comunque prima di tutto attendere il verdetto dell’Uefa, snodo fondamentale per la campagna acquisti rossonera.