Milan, Berlusconi: "La Champions è un imperativo"

Il presidente rossonero presenta il nuovo tecnico SinisaMihajlovic e non risparmia critiche alla gestione Inzaghi. Pronto anche il progetto dello stadio del club

"Andare in Champions quest'anno è un imperativo". "Credo che il nuovo allenatore abbia tutte le caratteristiche per riportare il Milan ai livelli che gli sono consueti. Nel calcio ci sono dei cicli, tutte le squadre li hanno conosciuti ma credo che adesso per noi l'imperativo categorico sia tornare dal prossimo anno nella massima competizione europea". E' questo l'obiettivo del presidente del club rossonero, Silvio Berlusconi. Stamattina è stato presentato ufficialmente il nuovo allenatore del Diavolo, Sinisa Mihajlovic.

E le prime parole del tecnico sembrano confermare le sfide del club: "Per me è una grande soddisfazione essere qua. L'organizzazione, l'ambiente, l'ambizione, il clima che si respirava ti fanno capire quello che già sapevo dall'esterno, che il Milan è un top club mondiale e quello che ho visto me lo sta confermando. Io non sono ruffiano, non ho una storia rossonera né posso trasmettere senso appartenenza, perché ancora non ce l'ho. Ma ho spesso incontrato Milan, so che rispetto ha saputo trasmettere questa maglia". Ed ha aggiunto: "I tifosi hanno vissuto un paio di stagioni difficili e faremo di tutto per farli tornare a gioire e ci sono tutti i presupposti - continua - La società sta facendo benissimo sul mercato, abbiamo preso tre grandi giocatori, il presidente è molto generoso con me, mi accontenta su tutto e non c'è in Italia un progetto più ambizioso di questo. Quando ti chiami Milan, non puoi volare basso, sei destinato a pensare in grande a inseguire traguardi prestigiosi. E in campo non basta solo il nome".

Il presidente Berlusconi non ha risparmiato critiche alla gestione dell'ex allenatore Pippo Inzaghi: "L'anno scorso è mancata la consapevolezza delle proprie possibilità, e per questo non siamo riusciti ad imporre il nostro gioco. Non siamo riusciti ad allestire un reparto avanzato importante, essendo mancato Fernando Torres su cui avevamo riposto molte speranze".

E si parla anche del progetto di uno stadio del Milan: "Abbiamo già ricevuto dieci offerte da banche e fondi interessati a finanziare la costruzione del nuovo stadio. Noi attendiamo la risposta della Fondazione Fiera al nostro progetto per la costruzione dello stadio al Portello e non abbiamo dubbi che abbia tutte le qualità per essere accolto"- ha sottolineato Berlusconi. Lunedì, infatti, si riunirà il comitato esecutivo di Fondazione Fiera per decidere tra l'opzione stadio Milan e quella "Milano Alta" della bergamasca Vitali, sostenuta dal fondo di investimento Stam.

Commenti
Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Ven, 03/07/2015 - 14:14

Non risparmia critiche alla gestione Inzaghi. Ma scusate è Lui che lo ha voluto. Adesso non andrà più nello spogliatoio il Mourigno di Arcore a dire chi dovrà giocare e chi no.

Tikitaka

Ven, 03/07/2015 - 15:30

Bravo Silvio

linoalo1

Ven, 03/07/2015 - 15:43

A meno di un Miracolo,il Milan ,se non rinnova i Vertici,resterà,come l'Inter,una Squadra da Mezza Classifica!!!!Possibile che Berlusconi non l'abbia ancora capito??

Imbry

Ven, 03/07/2015 - 15:43

"La Champions è un imperativo" a Silvietto, vedi che ti stai sbagliando, la Champions è una competizione sportiva :)

roberto zanella

Ven, 03/07/2015 - 19:36

...ma fam un piaseee ...parla no...che il Milan ul fa la fin da Forza Italia...