Milan, esonerato Allegri

La squadra è stata momentaneamente affidata a Mauro Tassotti. In pole per la panchina ci sono Inzaghi e Seedorf

Game over. Massimiliano Allegri non è più l’allenatore del Milan. Il club rossonero ha annunciato l’esonero del tecnico con una nota, all’indomani della sconfitta contro il Sassuolo. La squadra è stata momentaneamente affidata a Mauro Tassotti, che fino ad oggi ha ricoperto l’incarico di vice di Allegri. Per la panchina rossonera in pole ora c'è Filippo Inzaghi. All'indomani della pesante sconfitta in casa del Sassuolo si era subito capito che il rapporto tra Allegri e il Milan sarebbe finito prestissimo. Infatti, Barbara Berlusconi ha dichiarato: "È necessario e urgente, con il contributo di tutti, cambiare", l'ad Galliani si era chiuso in silenzio. Poi la fine annunciata. "L’AC Milan comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra, con effetto immediato, il Signor Massimiliano Allegri e il suo staff. L’AC Milan desidera ringraziare il Signor Allegri e il suo staff per l’opera svolta e augura loro i migliori successi professionali": questo è il testo del comunicato del club rossonero.

Commenti

luigi civelli

Lun, 13/01/2014 - 11:57

In tempi di spending-review,Silvio Berlusconi,in assenza d'impegni senatoriali,si candida a nuovo allenatore del Milan,reduce dai convincenti successi alla guida del Torrescalla-Edilnord.

handy13

Lun, 13/01/2014 - 12:02

...sempre troppo TARDI,...squadra disunita senza schemi,..

tangocav

Lun, 13/01/2014 - 12:10

Sono contento per Allegri. Questo esonero penso che sia la fine di un incubo. Tutti sappiamo che egli è molto ben pagato, ma fra i compiti che gli hanno riservato ci sono quelli che non riguarderebbero la funzione di allenatore (che ha svolto benissimo, bensì quelle di "parafulmine", per giustificare la caduta di valore verticale della squadra rossonera, giustificata, dal necessario risanamento economico, dalla vendita dei "pezzi migliori",dell'ex corazzata milanista. Il povero Galliani ha dovuto spesso fare dei "matrimonii con i fichi secchi" e Allegri con maestria, ha cercato di cavare sangue dalle rape. Comunque niente che non fosse evidente, solo che per non dare una brutta immagine della dirigenza ai livelli più alti, si da la croce al "dipendente" Allegri e forse pure ad Adriano Galliani. Meno male che c'è Honda, sono sicuro che risolleverà un po' la caratura rossonera a patto che si metta mano al portafoglio per rinforzare la squadra in difesa. Un milanista di confessione GianniRiveriana

Cacciari_forpre...

Lun, 13/01/2014 - 12:15

Io credo che Allegri sia l'ultimo a dover chiudersi la porta alle spalle! Prima di lui e in fila indiana dovrebbero andarsene in ordine: Galliani - La Fininvest e TUTTA la famiglia Berlusconi!! Dare la colpa al solo allenatore di una gestione che negli ultimi tre anni si è rivelata disastrosa e mirata solo a fare cassa non basta! E' giunta l'ora - con tutti i dovuti ringraziamenti che Berlusconi LASCI il Milan A.C. - che appartiene ai tifosi - per evidenti limiti manageriali, economici e tecno decisionali!

alfonso cucitro

Lun, 13/01/2014 - 12:30

Finalmente.Era da tempo che lo dicevo.E' inutile elogiarlo:tolto il primo anno che ha vinto lo scudetto (ma i giocatori avevano nella testa e nelle gambe anni di conduzione di Ancelotti) è stata una discesa continua a causa di infortuni (colpa.a mio giudizio,dello staff tecnico) e mancanza di gioco.Oltre ad aver allontanato o fatto andar via diversi giocatori è possibile che nessuno si sia reso conto che tutti i giocatori arrivati al Milan sono diventati all'improvviso dei brocchi?Quindi è stato ed è solo colpa di Allegri,che si è rilevato non all'altezza del Milan.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Lun, 13/01/2014 - 12:32

Hanno dovuto aspettare di avere 30 punti in meno della Juventus in un girone per esonerarlo. Allegri sicuramente è contentissimo: ha sempre voluto l'esonero per farsi le vacanze con la restante parte dell'immeritato ingaggio. Inoltre, conoscendo come va l'Italia, altre società non tarderanno ad offrire lauti compensi al personaggio. Addirittura si parla di Nazionale; d'altra parte, dopo uno come Prandelli, tutto è lecito: potrebbero farla allenare anche a un cavallo...

Cacciari_forpre...

Lun, 13/01/2014 - 12:39

Penso che oltre ad una legge elettorale sul modello SPAGNOLO, sia giunta l'ora per Berlusconi di applicare anche alla soc. Milan A.c. - che appartiene ai tifosi - il modello SPAGNOLO anche nel calcio! Quindi DIMISSIONI in massa di TUTTA la proprietà e apertura di un AZIONARIATO tipo REAl o BARCA!

redy_t

Lun, 13/01/2014 - 12:44

Non sono d'accordo con i miei amici milanisti. Ho visto passare tanti allenatori nella storia del Milan. Ma questo è uno dei peggiori. Squadra senza gioco e senza attributi. E non venitemi a parlare delle colpe della dirigenza (che pure ci sono). L'organico attuale del Milan non è certamente inferiore a quello di molte squadre che ci stanno davanti in classifica. Dunque la responsabilità del disastro è quasi tutta di una guida tecnica imbelle ed inefficiente. L'unico vero errore della dirigenza è non averlo cacciato due anni fa subito dopo aver perso uno scudetto che non potevamo perdere.

COSIMODEBARI

Lun, 13/01/2014 - 12:58

Il Milan A.C., come tutte le squadre di qualsiasi specialità sportiva, NON APPARTIENE AI TIFOSI. Quindi Cacciari_forpre..., farebbe bene a rivedere la sua convinzione, che ha solo il carattere di esagitare i pseudo tifosi. I veri tifosi sanno esattamente che NULLA appartiene a loro, se non il tifo e la passione. Il Milan A.C. come tutte le società sportive sono tenute vive da capitali vivi, di prima mano, che in maniera minima arrivano dai tifosi attraverso l'acquisto del biglietto o di una abbonamento pay tv. Questo loro spendere deve solo produrre educati applausi o fischi, quindi incrementare le presenze o ridurle. In Inghilterra nessun tifoso si sogna di pensare che il M. U. appartiene ai tifosi, e questo avviene pure in Spagna con il Barcellona, che annoverano un azionariato popolare di oltre 100mila soci. Soci che sono rappresentati dalla gente comune, divisi in due fasce, 6/14 anni (una quota annua sociale di 66 euro)ed adulti (quota 132 euro) che oltre a fare gli abbonamenti ed a pagare i biglietti contribuisce alle casse delle società comprando delle quote sociali non certo per investimento economico ma solo per la fede e l’amore smisurato che ha per il “Barca”. Godono di diversi diritti, fino a partecipare all'elezione del presidente. Certamente questo da noi non potrà mai accadere visto quanti sono quelli che, per natura, alla domenica, oppure occassionalmente, sono quaraquaqua e/o esagitati. Compreso dirigenti, stampa, web e tv.

meverix

Lun, 13/01/2014 - 13:02

L'allenatore ha certamente le sue colpe, ma mi dite voi cosa poteva fare (e cosa potrà fare il suo sostituto) quando in difesa sei passato da Thiago Silva - Nesta alla coppia Zapata - Mexes (o Bonera) e giochi con Constant o Emanuelson? La società è più colpevole di Allegri semplicemente perchè al Berlusca non frega più nulla del Milan e non ci investe più un quattrino. Dovrebbe cedere la società; sicuramente gli acquirenti (arabi o russi danarosi e in grado di investire) non mancano.

palllino.

Lun, 13/01/2014 - 13:02

sono Milanista fi da quando sedevo sui banchi delle elementari..e o cinquantuno anni,altro che milanista grazie a Berlusconi.. devo dire pero che non è possibiloe continuare in questo modo. il tecnico doveva essere esonerato molto prima.altro che dare esmpre possibiltà.si deve arrivare ad un passo dalla serie b per prendere decisioni.infine apprezzo il gesto di Braida,che dovrebbe essere imitato da Galliani.Andarsene e non continuara a vivere sui vecchi allori. Il responsabile dei risultati è sempre ce comunque la società- E lei che decide dirigenti eallenatori. Se un giocatore èuna schiappa è il dirigente o l allenatore che deve saperlo. BB forse non sapra di calcio ma spero che si affidi a gemte competente.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Lun, 13/01/2014 - 13:08

Era ora! Unico commento condivisibile fin'ora è quello di @redy_t, gli altri sono solo commenti politici!

Cacciari_forpre...

Lun, 13/01/2014 - 13:14

@@@COSIMODEBARI---ho provato ha mandare un messaggio che completa il ragionamento ma vedo che ancora non appare!Vengo al dunque per dirti che ti stai sbagliando...in SPAGNA le società SONO DEI TIFOSI!! Quindi suggerisco a Berlusconi che oltre allo politica anche nel calcio i cicli hanno un inizio e una fine.Altro che passaggio ai FIGLI..Fuori tutto il CDA e AZIONARIATO sul modello spagnolo!!

stefano di ancona

Lun, 13/01/2014 - 13:16

A me sembra che si stia esagerando il ruolo degli allenatori. Allegri diventa il capo espiatorio, ma non credo che oggi qualsiasi allenatore di serie a non sappia preparare la squadra, preparare degli schemi. il problema per me rimangono sempre i giocatori, che sono professionisti e dovrebbero sempre dare il loro massimo. ma se un difensore fa gli errori che stanno commettendo quelli del milan, od un centrocampista non è in grado di fare niente di più del passaggio laterale, cosa c'entra l'allenatore? ieri la juve ha vinto grazie a lichsteiner, conte gli dirà pure di spingere, ma se ieri lo fa in maniera eccezionale e magari in champions no è colpa o merito di conte?

lakos29

Lun, 13/01/2014 - 13:16

Continuo a non capire il perché se i giocatori in campo fanno pena debba pagare sempre e solo l'allenatore.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Lun, 13/01/2014 - 13:31

Perchè prende un sacco di soldi. Se prendesse 2.000 Euro al mese sarebbe giusto farla pagare ai giocatori. E comunque, con l'esonero, l'allenatore "paga" per modo di dire (vedi Mancini ai tempi di Moratti).

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 13/01/2014 - 13:33

Siamo in Italia dove le imprese appartengono a chi ci lavora e non a chi ci mette soldi e risparmi. E le società di calcio appartengono ai tifosi, vale a dire a soggetti in stato febbrile. Più stupidi di così non credo si possa essere. E le compagnie teatrali, le grandi orchestre, il grande cinema a chi appartiene? Agli spettatori? Idiozie del genere in Italia resistono ancora e purtroppo generano danni economici e non solo. I tifosi sospendono le partite, i tifosi derubano i giocatori, i tifosi li picchiano, i tifosi decidono. Ecco cosa accade. Il Milan ha vinto tanto e non tutto quel che poteva vincere. Più di ogni altra squadra, dicono. E i tifosi cosa hanno vinto? Spesso neanche pagano il biglietto, pretendono comparsate, presenze e stupidaggini del genere. Se non ci fossero il carrozzone andrebbe avanti lo stesso. Dovrebbero essere cacciati dagli stadi quegli spettatori che da spettatori non si comportano. Applaudire e fischiare, sbandierare ed inneggiare i propri beniamini è lecito ma assistere alle partite come fossero guerre, andare in trasferta a far casino è da criminali. Tifoserie contro tifoserie ... siamo matti? Il Milan non mi sembra abbia tradito i tifosi.. E come potrebbe? Ha tradito se stesso, il gioco del calcio ed il buon senso. Hanno sbagliato in tanti ed in tanti è giusto che paghino i loro errori. Allegri e compagnia è stato il primo. La logica di mercato farà piazza pulita del resto.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Lun, 13/01/2014 - 13:33

Solo un allenatore allegr(o) o brillo che con pochi punti in classifics staccatissimo dalle prime e vicinissimo alle ultime vincendo due a zero dopo 15 minuti dall'inizio, consapevole di avere una difesa colabrado lascerebbe scorazzare l'avversario che gioca in casa lasciando la difesa alta, anzi troppo alta: art.1 del manualetto degli allenatori delle squadre parrocchiali!

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Lun, 13/01/2014 - 13:34

Doveva essere mandato via almeno dall'anno scorso. Per quanto mi riguarda l'avrei esonerato già alla fine della stagione 2011/12, quando perse lo scudetto contro la prima Juve di Conte, dopo essere passato in vetta. Invece no: si è deciso di mantenerlo e ascoltare le sue deliranti uscite contro la Juve e il suo allenatore. Quando la volpe non arriva all'uva dice che l'uva non è buona. Caro Allegri, potrai essere un ottimo allenatore, cosa che non metto in dubbio, ma la Juve di Conte è qualcosa che va oltre. Non sarà stato certo l'episodio di Muntari a giocare un ruolo determinante negli ultimi tre anni di Milan: sei stato tu, la squadretta che hai allenato e i soldi che Berlusconi ha dovuto sborsare a De Benedetti, quello che non ha mai lavorato un solo minuto in vita sua e ha distrutto tutte le aziende dove è stato. Questo bisogna riconoscerlo: Berlusconi non ha potuto pensare al Milan perchè De Benedetti, come suo solito, ha RUBATO il sudore degli altri!

Ritratto di ersola

ersola

Lun, 13/01/2014 - 13:36

ma i giocatori non erano stati a colloquio con silvio? il quale ogni volta che è andato a trovarli li ha sempre miracolosamente rigenerati.

Ritratto di ersola

ersola

Lun, 13/01/2014 - 13:39

vogliamo silvio in panchina.

tangocav

Lun, 13/01/2014 - 14:27

La forza del Milan (come delle altre grandi squadre) è sempre partita dalla difesa, vogliamo nominare i vari Anquilletti, Schnellinger, Trapattoni, Aldo Maldera, Collovati, per non parlare di Costacurta, Tassotti, Maldini ed il capitano, mio capitano Franco Baresi e per finire Nesta e Thiago Motta. E adesso????

G_Gavelli

Lun, 13/01/2014 - 16:02

Grazie Max! In 4 anni hai vinto uno scudetto, arbitri e guardialinee te ne hanno rubato un altro, hai fatto miracoli l'anno scorso con chi il "padrone" ti aveva lasciato in mano, non ti poteva riuscire l'ultimo miracolo. Continua imperterrita l'era degli Amarcord, una cosa...fatua e vuota...che Silvio Berlusconi riesce ancora a percorrere; la differenza a volte, però, sta nelle vocali: la Roma ha Dodò, Berlusconi ha Dudù...Chi può avere ancora tanto disprezzo per i propri pochi soldi da spenderne una parte per andare a vedere il MIlan? Io, no! TANTO NON LO PUBBLICATE

baio57

Lun, 13/01/2014 - 16:14

@ Cacciari..... Già che ci siamo facciamola diventare una Coop e come presidente ci mettiamo Pisapia. Con l'esborso esiguo di tasse ,potrete comprare Messi e C.Ronaldo . Come allenatore basterebbe anche Renzie.

onurb

Lun, 13/01/2014 - 18:48

Cacciari_forpre...A me il calcio non interessa e nemmeno le sue vicissitudini. Osservo però che Allegri nella sua gestione ha vinto lo scudetto il primo anno della sua gestione mentre nel secondo lo ha buttato alle ortiche, pur avendo conclamati campioni alle sue dipendenze e un discreto vantaggio sulla seconda a pochi turni dalla fine del campionato. E questo qualcosa può significare. Per quanto riguarda la proprietà della società, come in qualsiasi altra attività, essa è di chi ci mette i soldini e non dei tifosi. Io, appassionato di motori, non mi sogno nemmeno di dire alla dirigenza Ferrari di farsi da parte e di lasciar fare a noi tifosi della Rossa. Sono anni che mastico amaro e continuerò a farlo in silenzio, nel rispetto dei ruoli.

Ritratto di gpdimonderose

gpdimonderose

Lun, 13/01/2014 - 19:32

siamo tutti molto tristi senza allegri...a....ahy...siamo molto allegri senza tristezza...grazie solo silvio è il grande rott-amattore...

simone64

Lun, 13/01/2014 - 23:58

Tassotti....chi è costui ???

Ritratto di Coralie

Coralie

Mar, 14/01/2014 - 08:22

Esonerare Allegri e' stato un errore. Dove sono le Sue colpe nella partita con il Sassuolo? Nesuno, invece, ha fatto presente la scarsa affidabilita' di Abbiati che, secondo me, e' il maggior responsabile delle ultime sconfitte della squadra. Se, come pare, l'idea e' venuta da BB, allora vuol dire che il Milan " e' alla frutta ". come societa' Io mi trovo d'accordo con Gattuso, " Le donne nel calcio? No, grazie! "

berserker2

Mar, 14/01/2014 - 13:09

Oh bene, era ora! Adesso il prossimo a levarsi dalle palle speriamo sia galliani, incapace e tronfio. Spendaccione coi soldi degli altri. Da sempre stipendiato sotto padrone, quando glielo rammentano diventa paonazzo e farfuglia a proposito del suo "passato che parla per lui".....eh, parla.....e cosa dice? Che sei un servo gallià, torna al Monza e alle antenne televisive che solo quello sai fare.