Misteri del calcio: no alla moviola, sì al turbante

La Fifa: "Questo non è rugby". E boccia i replay. Ma approva veli e copricapi

Una discussione morta sul nascere, perché la tecnologia nel calcio si fermerà ai casi (rari, lo dicono le statistiche) dei gol fantasma, già testata e poi approvata dall'International Board. A Zurigo arriva il no categorico all'ausilio video per gli ufficiali di gara al Mondiale e nella prossima stagione agonistica (e per chissà quanto tempo ancora). «Il calcio non è il rugby, usare la moviola in campo rischierebbe di snaturare il nostro sport - ha sottolineato il segretario della Fifa Jerome Valcke -. La moviola funziona per alcune discipline con molte pause, ma una delle forze del calcio è proprio la continuità dell'azione. Gli svantaggi derivanti dall'uso del video sarebbero superiori ai vantaggi». Divieto anche di monitor a bordo campo per il quarto uomo (pure decisivi nella finale mondiale del 2006 a Berlino per «scovare» la testata di Zidane a Materazzi), mentre sui maxischermi degli stadi iridati del Brasile si vedranno alcune azioni di gioco, ma solo quelle che non lasceranno spazio ad alcuna interpretazione.
Meno prevedibile la bocciatura dell'abolizione della «tripla sanzione» (in caso di fallo da ultimo uomo che interrompe una chiara occasione da rete in area, oltre al rigore l'espulsione e la squalifica per almeno una gara). Una battaglia condotta dal presidente dell'Uefa Platini sulla quale c'era stata una leggera apertura del collega della Fifa Blatter. «Un ritorno indietro, cioè solo il giallo all'autore del fallo, ci è sembrato un messaggio sbagliato - così il rappresentante della federcalcio inglese Horne -. I cosiddetti «falli cinici» potrebbero riapparire, specie da parte del portiere sull'attaccante lanciato a rete se sa che rischia solo un'ammonizione».
La riunione di Zurigo resta dunque nella storia solo per l'apertura a hijab (veli), copricapi e turbanti. Niente più casi della nazionale femminile iraniana - esclusa dalle qualificazioni a Londra 2012 - o della squadra maschile canadese di etnia Sikh, alla quale fu impedito di giocare un torneo. Uniche avvertenze, la conformità alle divise indossate, il mancato intralcio o pericolo per gli avversari e che non siano cappucci simili a quelli visti nell'atletica. E dal prossimo Mondiale saranno vietate anche tutte le scritte o immagini sulle sottomaglie. «Sarebbe difficile esaminare ogni situazione, così le abbiamo vietate tutte», ha concluso Valcke. Come se questo fosse il vero problema del calcio del futuro...

Commenti

Anonimo (non verificato)

giovanni PERINCIOLO

Dom, 02/03/2014 - 18:18

Tanto che presidente della FIFA resta quella blatta di Blatter, questo e altro!

fedele50

Dom, 02/03/2014 - 19:56

POVERE DONNE COSI BARDATE SA COME SUDA NO IN MEZZO , A ME PIACCIONO ANCHE SUDATE.

Dako

Dom, 02/03/2014 - 20:52

Le regole dello Sport valgono per tutte le donne che lo praticano tranne sembra per quelle dell`Islam, bravo Blatter così pure bravi tutti quelli della FIFA continuate così concedete sempre e comunque pagliacci, noi dobbiamo sempre rispettare loro invece....-/- lo Sport vuol dire disciplina, regole, sudore, sacrificio, dedizione chi non si adegua deve semplicemente rinunciarvi punto.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 02/03/2014 - 21:05

Se non sie fro.i o mussulmani meglio non nascere.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Dom, 02/03/2014 - 21:23

Che tristezza quella foto ! Medioevo prossimo venturo...

Ritratto di woman

woman

Dom, 02/03/2014 - 22:49

Misteri? per la tolleranza della hijab vi do la soluzione: gli sceicchi e i loro petrodollari.

paolonardi

Lun, 03/03/2014 - 02:01

Niente moviola! cosi' possono impunemente continuare a condizionare le partite a loro piacimento e convenienza. Bravi davvero e che scuse risibili! come ciliegina la bella pensata sul velo e sui turbanti; siamo al ridicolo.

Sapere Aude

Lun, 03/03/2014 - 07:10

Adesso che è arrivato un secco no dal colonnello Joseph Blatter, spero vivamente che Figc e affini (compresi i media) smettano di innalzare verso il cielo ululati di disapprovazione per i pugni e i calci, dati e ricevuti, e dei conseguenti belati di tifoserie biliose che dal lunedì al sabato infestano Tv e blog. Si torna al salutare gioco del calcio in voga nella Firenze medicea. Lì si pestavano a sangue.

Ritratto di bracco

bracco

Lun, 03/03/2014 - 08:09

Siamo alle comiche

Ritratto di pedralb

pedralb

Lun, 03/03/2014 - 08:17

Ma quando finiremo di compiacere sti cani infedeli. Caro Blatter ti hanno per caso promesso 70 vergini....vergognoso corrotto!!!!