Mondiali Russia, Putin schiera 300 cosacchi contro i gay

Un gruppo di 300 cosacchi sarà schierato in appoggio alle forze di polizia ordinaria per controllare che gli omosessuali non si lascino andare in pubblico ad effusioni amorose. Il loro impiego voluto dal presidente Vladimir Putin

Sei gay, ami il calcio e vuoi andare a vedere dal vivo i prossimi Mondiali in Russia? Fallo pure, ma occhio a non tenere per mano il tuo compagno. E non ti azzardare a baciarlo. Questo il messaggio lanciato dalle autorità russe, che hanno deciso di schierare in appoggio alla polizia, per tutta la durata della Coppa del Mondo di calcio, un plotone di 300 cosacchi. Il loro compito? Segnalare alle forze dell'ordine ogni comportamento "sospetto" che veda protagonisti due o più omossessuali. Tutto per motivi di sicurezza.

Vladimir Putin è fedele alla sua linea di tutela dell'amore tradizionale e per i prossimi Mondiali ha deciso di rispolverare i cosacchi. Si tratta di un'antica comunità militare che dal 14 giugno al 15 luglio, date di inizio e di fine della 21esima edizione dei Mondiali di calcio, in una formazione fatta di 300 membri, sarà chiamata a svolgere un ruolo di guardiano dell'ordine. Non contro gli hooligans - a quelli ci penserà la polizia "tradizionale" - ma contro i gay, a cui sarà proibita ogni effusione amorosa in pubblico in ottemperanza alla legge contro la propaganda omosex ai minori: questa la fattispecie di reato di cui si macchierebbero gli individui omosessuali.

Un compito considerato particolarmente importante dalla Russia, al punto da indurre Putin ad affidarlo allo storico corpo armato protagonista della famosa frase "I cosacchi abbevereranno i cavalli nella fontana di San Pietro", usata dalla propaganda democristiana nell'immediato dopoguerra per dipingere lo scenario che si sarebbe materializzato in Italia dopo un'eventuale successo del Pci alle elezioni. Come ha spiegato Oleg Barannikov, leader del Ckv (l'esercito centrale cosacco), i 300 militari avranno il compito di comunicare alla polizia ogni gesto sospetto. "Ma spetterà a loro decidere come comportarsi", ha precisato infine il capo dei cosacchi.

Commenti

cir

Gio, 07/06/2018 - 15:00

Grande PUTIN !!!

ilgiornalediluca

Gio, 07/06/2018 - 16:34

Certo che per questi gay se ne crea di problemi. Mi se farà lo stesso con i gay non russi.

ilgiornalediluca

Gio, 07/06/2018 - 16:39

@cir Ho letto nei racconti di esperienze premorte che la vita non finisce dopo la morte ma si rinasce in una nuova vita, con un nuovo corpo, in una nuova famiglia, in una nuova nazione e società. Augurati, caro utente Cir, che non sia così, non per altro magari ti potresti trovare dal lato opposto della barricata a combattere per ottenere i diritti che in questa vita stai contribuendo a negarlo ad altri. Il mondo cambia e cambierà anche in Russia, che le piaccia o no all'omofobo (o gay represso) Putin.

tuttoilmondo

Gio, 07/06/2018 - 18:15

C'ERA UNA VOLTA. C'era, c'erano giornalisti che sapevano scrivere. Ora... che cassio vuol dire "amore tradizionale?" Amore tradizionale, famiglia tradizionale, padre tradizionale, madre tradizionae. Allora pure la natura è tradizionale. E pure i giornalisti.

cir

Gio, 07/06/2018 - 18:18

ilgiornalediluca; tu sei gia' incarnato proveniente da un altra vita non so casa eri prima , ma adesso sei il nulla .

ilgiornalediluca

Ven, 08/06/2018 - 09:56

@Cir Ti do solo un consiglio, cerca di cambiare in questa vita. I gay sono qui non per cambiare se stessi e omologarsi a ciò che noi riteniamo "normale" ma per darti a te la possibilità di cambiare nei loro confronti e di capire che l'amore va oltre l'aspetto fisico. Arriverà il giorno che lo capirai perfettamente.

MARCO 34

Ven, 08/06/2018 - 15:29

A parte ogni considerazione sul commento, suggerirei una ripassata alla grammatica italiana