Montezemolo alla Bartali " F1 tutto da rifare, piloti come taxisti e regole assurde"

Fa discutere l'intervista rilasciata da Montezemolo ad una rivista tedesca. Per il numero 1 della Rossa, F1 da cambiare. Altra tappa della guerra Montezemolo-Ecclestone

Per Montezemolo F1 da ripensare

Il Presidente della Ferrari ha detto la sua sullo stato attuale del "circus" e sulle prospettive future. L'occasione per parole che sicuramente faranno discutere è stata un'intervista rilasciata ad un giornalista di "Focus", rivista teutonica che si occupa, tra le altre cose, del Mondo delle quattro ruote.

Montezemolo ha affermato che vi è assoluto bisogno di pensare a degli interventi per far diventare nuovamente la Formula 1 quello sport appassionante che è sempre stato. A suo dire regole troppo complesse e farraginose hanno inciso sulla spettacolarità e i piloti sono stati ridotti ad una sorta di tassisti molto ben pagati. L'ex Presidente di Confindustria, dopo queste parole molto dure, ha anche svelato di essere passato dalle parole all'azione. Ha infatti scritto una lunga missiva ad Ecclestone, il cui succo è la richiesta di una riunione nella quale si prenda in esame la crisi che sta attraversando il mondo della F1. Il Presidente del Cavallino sembra assolutamente deciso ad andare fino in fondo, perchè ha spiegato senza troppi giri di parole che se Ecclestone non darà una risposta positiva alla richiesta contenuta in tale missiva, sarà allora lui a indire questa riunione. Montezemolo ha precisato che ritiene sia suo dovere farlo nel caso in cui Ecclestone dovesse risultare sordo al tale richiesta.

Il Presidente della Rossa ha ribadito il concetto espresso più volte, ovvero che molte delle norme attualmente in vigore sono:

"Eccessive e vanno ad incidere in maniera pesantemente negativa sullo spettacolo".

Il numero 1 di Maranello ha anche detto che se prima a vincere era il pilota più forte con la vettura meglio sviluppata, oggi non è più così e che questo è indice di un problema.

Se in parte queste riflessioni sono assolutamente pertinenti e non prive di fondamento, in quanto la F1 di questi ultimi anni è stata effettivamente tutto tranne che spettacolare, è però vero che molti potrebbero ritenere che questa voglia di cambiare le regole, esplicitata a più riprese da Montezemolo, sia dovuta anche al fatto che la "Rossa" non vince e non è ai vertici da molti anni: basti pensare che l'ultimo titolo piloti fatto festeggiato dalle parti di Maranello risale ad ormai 7 anni fa (un'eternità per una scuderia con tale blasone) e che a vincerlo fu quel Raikkonen che oggi arranca oltre la decima posizione nella classifica iridata.