Morata, Milinkovic & Co. ballano il tango argentino

Tutti attendono alle mosse di Icardi e Higuain. La Roma vuole Kluivert, Napoli e Juve in attesa

Arriva il caldo e il calciomercato impazza tra idee assurde e trattative già intavolate. L'unica ufficialità di giornata è però un colpo di certo non di alto richiamo, con la Roma che ha accolto il difensore Marcano sbarcato a costo zero dal Porto. Ma per sognare, di fatto, basta seguire le orme dei direttori sportivi: e il ds giallorosso Monchi ieri è stato a Montecarlo per una serie di incontri con diversi agenti. Tra questi anche Mino Raiola, che rappresenta quel Justin Kluivert oggetto del desiderio di Di Francesco: «Mi è stato detto che dovevo firmare il rinnovo, altrimenti sarei dovuto andar via - le sue parole - mi sento sotto pressione. Non si tratta di calcio, ma di denaro». Il giocatore andrà in scadenza l'anno prossimo con l'Ajax, ma i lancieri non sembrano voler trattare sul prezzo: la Roma, dal canto suo, vede in Berardi, che proprio con Di Francesco rese al massimo ai tempi del Sassuolo, l'alternativa. A centrocampo avanza, a piccoli passi, l'idea Cristante, ma qui la concorrenza è davvero agguerrita.

A tenere banco è ancora una volta l'ipotetico scambio tra Inter e Juventus che coinvolgerebbe Icardi e Higuain: l'approdo del Pipita a Milano permetterebbe ai nerazzurri di incassare quei 50 milioni necessari per chiudere positivamente l'anno fiscale al 30 giugno, anche se l'idea del club è far cassa sacrificando qualche giovane e chi ha giocato meno piuttosto che vendere un big. Tutto sembra, per ora, favorire la permanenza di Icardi all'Inter, non fosse altro che per il fatto che al Chelsea non è ancora arrivato Sarri. Dall'altra parte, però, c'è anche l'incontro tra lo stesso Icardi e l'Inter che tarda ad arrivare: il giocatore ha espresso la volontà di restare, ma ovviamente dietro lauto adeguamento del contratto.

In casa Napoli si attende. Il Manchester City spinge su Jorginho, ma un po' l'effetto Ancelotti e un po' le richieste del club (70 milioni) hanno raffreddato la pista. In entrata si lavora su Rui Patricio, valutato 18 milioni dallo Sporting, mentre su Verdi si aspetta la decisione del giocatore, visto che l'accordo con Bologna (23 milioni più bonus) c'è già. Il Napoli vorrebbe chiudere velocemente, per bruciare la concorrenza dell'Inter impegnata a cercare soldi più che a spenderli. L'alternativa è Politano.

Ieri incontro tra il ds della Juventus, Paratici, e quello del Cagliari Carli; si è parlato di Han e Cerri ma non di Barella: ma qui siamo ancora agli albori e tutto può accadere. A giorni sbarcherà a Torino Emre Can, mentre domani si tornerà a parlare col Genoa di Perin. Il tutto mentre Lichtsteiner saluta e va all'Arsenal, Milinkovic-Savic preme sulla Lazio (il giocatore è una richiesta specifica di Allegri alla dirigenza), Buffon firma un biennale da otto milioni con il Psg e il Real Madrid valuta Dybala tra le opzioni se dovesse saltare l'affare Neymar. Anche se la vera rivoluzione potrebbe avvenire a centrocampo: l'unico che può dirsi sicuro di restare alla Juventus è Matuidi: su Pjanic ci sono le mire di Real e Barcellona oltre al Psg; Khedira scioglierà le proprie riserve dopo il Mondiale, Bentancur potrebbe andare in prestito mentre Sturaro e Marchisio rimangono in uscita a patto che arrivino offerte che possano convincere loro e la Juve.

La Fiorentina ha riscattato Pezzella per nove milioni di euro, mentre dal ritiro della nazionale francese l'ex Milan Rami ha chiamato Balotelli: «Vieni con me al Marsiglia, continuiamo a vincere assieme». Capitolo allenatori: il Bologna ha scelto Pippo Inzaghi, a Cagliari è ancora Maran la prima scelta, davanti a Juric e Nicola.