MotoGp, Lorenzo: "Chiedo scusa per gesto sul podio, mio futuro in Yamaha"

"Dobbiamo rispettare la decisione. Sono arrivato qui pensando soltanto al week end che è molto importante per me e non voglio parlare di nient’altro". Così Jorge Lorenzo sul no del Tas al ricorso di Rossi. Lo spagnolo si è però scusato per il gesto sul podio a Sepang: "Un errore e voglio chiedere scusa. Non è stato un esempio di sportività"

"Dobbiamo rispettare la decisione. Sono arrivato qui pensando soltanto al week end che è molto importante per me e non voglio parlare di nient’altro". Così Jorge Lorenzo sul no del Tas al ricorso di Rossi. Lo spagnolo si è però scusato per il gesto sul podio a Sepang: "Un errore e voglio chiedere scusa. Non è stato un esempio di sportività". Valentino Rossi partirà in fondo alla griglia domenica nel Gp di Valencia, l’ultimo della stagione. "Non importa la decisione che è stata presa oggi. Hanno detto che la penalità resta la stessa, ma se avessero cambiato la sanzione avrei corso comunque allo stesso modo domenica, quindi non cambierà il mio modo di guidare e pensare alla gara. Cercherò di fare del mio meglio e correre la miglior gara possibile",
prosegue Lorenzo che non vede problemi nel continuare con la Yamaha.

"Ho ancora un anno di contratto e la mia intenzione è di continuare alla Yamaha, non solo finché mi ritirerò ma anche dopo, e questo è sempre nella mia mente. Tutti i matrimoni hanno dei momenti di disaccordo e durante questi giorni e possono accadere anche questo tipo di cose, ma il nostro rapporto sarà lo stesso e credo che Valentino ed io formiamo uno dei migliori team del mondo e la mia idea resta la stessa", sottolinea lo spagnolo. I vertici dell federazione e della Dorna hanno parlato con i piloti e chiesto massima sportività. "Nella vita quando parli con le persone può essere positivo, cerco sempre di rispettare gli altri piloti, di essere il più sportivo possibile e di chiedere scusa se commetto un errore, come ho fatto prima, e spero che tutti, me compreso, cercheremo di farlo domenica. Lo sport e i piloti in generale cecano di dare sempre il meglio e a volte possono accadere cose simili accadute a Sepang, altrimenti chi ha le responsabilità di prendere delle decisioni fanno quello che sono stati costretti a fare stavolta".

Commenti

giovanni PERINCIOLO

Ven, 06/11/2015 - 12:09

Le tue scuse sai dove te le puoi mettere??? ebbene si', proprio li! Oltretutto dopo che hai pure cercato di intrufolarti nel giudizio di TAS e, meglio di niente, hai pure depositato una tua memoria. Vai dove grillo manda chi non la pensa come lui. Marquez lo definosco piccola serpe velenosa, tu chiedendo scusa dopo 15 giorni dimostri solo di essere una serpe un po più stagionata! Lo sport é altra cosa!