Nalbandian, inchiesta e rischio «mazzata»

La polizia britannica ha aperto un’inchiesta dopo la presentazione di una denuncia per «aggressione» contro il tennista argentino David Nalbandian, che domenica ha ferito un giudice di linea del torneo del Queen’s dando un calcio alla postazione mentre era in corso la finale. L’Atp ha multato Nalbandian di 12.560 dollari, privandolo anche dei suoi 57.350 dollari di premi vinti per aver raggiunto la finale del torneo. Le norme dell’Atp, inoltre, prevedono ammende fino a 100mila dollari e squalifiche fino a 3 anni per i tennisti colpevoli di aver danneggiato la reputazione dell’associazione con una condotta «contraria all’integrità del gioco».La polizia di Londra, intanto, non ha voluto rivelare chi ha presentato denuncia contro il giocatore. Secondo la legge inglese, oltre al giudice ferito, anche qualsiasi spettatore presente alla manifestazione o un semplice spettatore in tv della partita avrebbe potuto sporgere denuncia. «Siamo stati informati di un incidente che è avvenuto nell’Aegon Championships (Queen’s) il 17 giugno. Una denuncia è stata depositata e la polizia ha aperto un’inchiesta», ha annunciato Scotland Yard in un comunicato. Nalbandian aveva perso la pazienza dopo aver ceduto il suo servizio ed ha violentemente scalciato un pannello pubblicitario collocato sul prato intorno alla sedia del giudice di linea dalla linea di fondo. L’uomo aveva ricevuto un colpo sulla gamba ed ha dovuto lasciare il campo con una ferita sanguinante.