Nazionale, Insigne: "Avrei fatto anche il portiere"

Il grande escluso dal match contro la Svezia, Lorenzo Insigne, adesso torna a parlare del disastro azzurro

Il grande escluso dal match contro la Svezia, Lorenzo Insigne, adesso torna a parlare e lo fa in un'intervista al Mattino. L'attaccante del Napoli torna ancora sulla macata qualificazione ai mondiali di Russia 2018 e afferma: "Il mio sincero dispiacere è non partecipare ai Mondiali, soltanto e fortemente quello. Perché io dal primo giorno so quali sono le regole della Nazionale: non è importante chi gioca e le decisioni vanno sempre accettate. L’ho fatto anche quando sono stato utilizzato per un minuto. Io per la Nazionale avrei fatto anche il portiere perché questa è una maglia che deve essere rispettata senza discussioni. L’allenatore ha fatto altre scelte, riteneva che fossero quelli i giocatori giusti per portarci ai Mondiali. Nessuna polemica: questa maglia è un simbolo e io voglio indossarla ancora a lungo". Poi il giocatore a questo punto parla anche del gesto di Daniele De Rossi che di fatto ha rifiutato il riscaldamento consigliando allo staff del Ct di far entrare proprio Insigne: "Ha fatto un grande gesto, da vero leader che vuole aiutare la squadra. Sarei stato orgoglioso di andare in campo. Meritavamo il posto al Mondiale perché sono convinto che in Russia avremmo fatto una buona figura”.