Nocerina esclusa da subito dalla Lega Pro

La società campana punita per i fatti dello scorso novembre nel derby contro la Salernitana: sarà assegnata a un campionato inferiore

Tifosi della Nocerina

La Nocerina è stata esclusa dal calcio professionistico: lo ha deciso la Commissione Disciplinare della Figc, dopo i fatti del derby-farsa con la Salernitana del 10 novembre scorso. Il presidente della Disciplinare Artico, come racconta Il Mattino, ha accolto la richiesta del procuratore federale Stefano Palazzi. Come si legge sul sito della Federazione, la società di Nocera Inferiore è stata condannata per illecito sportivo ad essere esclusa dal campionato di competenza, per essere assegnata a uno inferiore, e multata con una sanzione di 10.000 euro. Inibizione di 3 anni e 6 mesi per tre dirigenti della società campana e squalifiche da un anno a 3 anni e 6 mesi per sette tra tecnici e calciatori, mentre sono stati prosciolti altri sei calciatori. Non c'è ancora una reazione ufficiale del club.

Escludendo la società rossonera dal Campionato di Lega Pro, terza lega professionistica del calcio italiano, la Federazione ha voluto punire il comportamento di tifosi, calciatori e società nella partita giocata a Salerno, quando il match tra le due squadre campane era stato sospeso dopo soli venti minuti per mancanza del numero minimo del giocatori. I calciatori rossoneri, minacciati dai propri ultras se fossero scesi in campo, prima hanno effettuato tutte e tre le sostituzioni disponibili nei primi minuti di gioco, e poi hanno collezionato cinque infortuni, rendendo impossibile la prosecuzione della partita. La contestazione dei tifosi era scattata dopo che era stata vietata per motivi di ordine pubblico la trasferta a Salerno: gli ultras rossoneri non l'hanno presa bene, e così hanno intimato ai propri "beniamini" di non scendere in campo al grido di "se non veniamo noi non andate nemmeno voi".

Oggi la sentenza della Federazione, immediatamente esecutiva, che sconvolgerà tutto il calendario della Lega Pro. Già in novembre gli ultras della formazione campana erano stati arrestati per gli scontri avvenuti durante la partita contro il Perugia dell'agosto scorso. La questura parlò in quell'occasione di un clima "da vera e propria guerriglia".

Commenti

vince50

Mer, 29/01/2014 - 11:52

Droga delle masse,in alternativa a quella definita illegale.Tanto sport,tanta droga,e sopratutto tantissimo calcio,in questo modo si "controllano" i popoli impedendogli di riflettere.