Olimpiadi di Londra, via ai Giochi

Nella cerimonia inaugurale dei Giochi c'è spazio per tutto ciò che è inglese. Da Mr. Bean a Harry Potter, alla Regina in versione Bond girl. Poi la sfilata degli atleti

Nel silenzio dello stadio olimpico, Londra ha dato inizio ieri sera alle Olimpiadi. Un'ora e mezza di cerimonia, seguita dalla consueta sfilata degli atleti in gara, divisi per nazionalità. Poi l'accensione del braciere. E la certezza che le competizioni possono iniziare.

Si parte con un conto alla rovescia, concluso dal rintoccare della campana più grande al mondo. La suona Bradley Wiggins, il trionfatore dell'ultimo Tour de France. E lo spettacolo entra nel vivo, con la rappresentazione grandiosa della storia del Regno Unito. Il canto tradizionale di un coro di bambini. Poi le citazioni dalla Tempesta di Shakespeare, ispiratrice per la cerimonia firmata dal regista Danny Boyle.

L'Inghilterra rurale composta all'interno dello stadio s'industrializza. Nasce un Paese nuovo, moderno. Nascono i movimenti di protesta. Poi arriva la guerra a fermare tutto per un attimo. Nel percorso storico tracciato a Londra si inserisce la celebrazione di uno dei personaggi inglesi più noti. Daniel Craig torna a impersonare 007. Prende con sè la regina (in carne ed ossa nel filmato), per portarla in elicottero allo stadio. Non si lancia, naturalmente, ma compare sugli spalti, da dove aprire ufficialmente i Giochi, mentre un corod i bambini sordomuti la accolgono cantando l'inno nazionale.

Dalla storia alla favola, nell'immenso teatro si alternano J.K.Rowling, la mamma di Harry Potter, Rowan Atkinson, il comico Mr. Bean e tanta musica. C'è la London Simphony Orchestra, dal vivo. Ma ci sono anche Clash, Queen, Who, Rolling Stones, Beatles, Prodigy, Blur e Amy Winehouse. L'Inghilterra delle sette note è tutta qui, a fare da sfondo a una storia d'amore al tempo dei social network, conclusa dalla comparsa di Tim Berners-Lee, padre del web.

Un ora e mezza di spettacolo. E poi è il momento degli atleti. Scendono in campo, sfilano in fretta. Tra loro 176 azzurri, guidati dalla portabandiera Valentina Vezzali. Israle entra nello stadio con il lutto al braccio, per ricordare la strage di Monaco. A chiudere la lunga sfilata - aperta dagli atleti greci - la delegazione britannica, che sfila sulle note della Heroes di David Bowie.

La Regina Elisabetta II apre ufficialmente l'Olimpiade. Nello stadio entra la bandiera olimpica. Fa la sua comparsa anche Mohammed Ali. Stanco e affaticato, ma il campione c'è. E arriva il momento di svelare il mistero: chi sarà l'ultimo tedoforo? La risposta lascia di stucco. Non uno, ma sette giovani accendono il fuoco di Olimpia, portato all'interno dello stadio da Steve Redgrave, leggenda del canottaggio britannico. Le Olimpiadi, mentre Paul McCartney canta e fa cantare la sua Hey Jude, inizano ufficialmente.

C'è giusto il tempo di tornare al villaggio olimpico. Soprattutto per la nostra Valentina Vezzali, oggi già in campo. Proprio dalla sua scherma l'Italia si aspetta molto.

Commenti
Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 28/07/2012 - 10:17

anch'io spero in qualche medaglia, "magari d'oro che è meglio del bronzo", così il pagliaccio del quirinale ci allieterà con qualche idiozia dichiarata, magari, con la lacrima sul viso

Ritratto di rapax

rapax

Sab, 28/07/2012 - 10:55

ma dopo tanta bella gioventù..quando è toccato sfilare nella rappresentativa Italiana dietro la Vezzali..davanti agli atleti c'era una parata di cariatidi..com'è? le solite caterve di accompagnatori, vanesi, aggregati alla squadra..che tristezza e che cialtroneria, quella era la festa dei NOSTRI GIOVANI ATLETI che sono stati costretti a stare dietro...e bravo coni...

Luigi Farinelli

Sab, 28/07/2012 - 11:05

Una delle esibizioni massoniche più eclatanti: a cominciare dai due orrendi pupazzi che simboleggiano questa olimpiade, con un solo occhio, simbolo evidente di ciò che vogliono comunicare. Del resto, li ha inventati Wolff Olins, conosciuto nel mondo dei "fratelli tre punti" e dell'oligarchia dei banchieri che galleggia nelle logge. I due pupazzi si chiamano con i nomi apparentemente bislacci di "Wenlok" e "Mandeville"; leggete in fretta i due nomi ripetutamente e avrete la traduzione chiara del significato della frase, chiaramente riconducibile all'eresia neo-gnostica e luciferina che sostiene la massoneria. Per non parlare del logo, costituito dal numero "2012" molto stilizzato (il "2" e lo "zero" sulla prima linea, l'"1" e l'altro "2" in basso). Leggendo come fossero lettere appare chiara un'altra parola cara ai massoni, definendone l'origine. Per non dire della loro interpretazione simbolica (al di là dei numeri e delle lettere). Del resto, la struttura dello stadio e molti particolari architettonici conducono alla massoneria che, con questa esibizione, vuole lanciare un messaggio importante. C'è da sperare solo che ciò che vogliono dire non si realizzi, come invece si stanno realizzando, sia in campo economico che dei costumi attraverso quel carrozzone blasfemo e ultralaicista che è la Commissione Europea, la distruzione sistematica delle Nazioni in nome della globalizzazione, sostenuta dai media loro tirapiedi (generalmente le principali testate giornalistiche delle stesse nazioni).

Ritratto di mekong

mekong

Sab, 28/07/2012 - 12:02

carissimo Farinelli...ma lei è stato a guardarsi la cerimonia o cercare di trovare elementi per sfoggiare tracotanza e dimostrazione di intelligenza(???) verso noi poveri ignoranti??? la prego scenda dal piedistallo spontaneamente prima di cadere e battere il capo! o è gia' successo.....

Ritratto di echowindy

echowindy

Sab, 28/07/2012 - 13:01

PLEASE...dateci la speranza di mettercela tutta. Fate vedere quanto la nostra grande Italy vale veramente in questa gioiosa Olimpiadi. Buona fortuna e Thanks a lot!

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Sab, 28/07/2012 - 13:43

caro farinelli, non dubito che lei abbia visto tutte quelle cose anche perché anch'io ho visto qualcosa di straordinario: la madonna che piangeva

Ritratto di aliberti.

aliberti.

Sab, 28/07/2012 - 13:55

i vampiri al governo stanno già pensando ad una tassa di possesso sulle medaglie in metallo nobile

Ritratto di Baliano

Baliano

Sab, 28/07/2012 - 14:44

Bene, ora bando alle ciance, alla fumosa retorica e alle autocelebrazioni, stucchevoli e soporifere d'oltremanica. -- Adesso tutti in pista e che vinca il migliore. -- " Red George the king " a parte, Italiani Azzurri e Rosa, che la Forza sia con voi. -- Regards

Ritratto di Baliano

Baliano

Sab, 28/07/2012 - 15:08

tempus_fugit_888 - - anche se fosse 666, (ci) si risparmi il dileggio, con la neanche tanto velata blasfemia in pubblico, se non le costa molto. Se le costa troppo ci mandi pure il conto, saldiamo sempre tutti. Grazie --------

Paul Vara

Sab, 28/07/2012 - 15:18

27 milioni di sterline per la cerimonia d'apertura dei giochi olimpici... McDonald's detta legge e Londra è sotto assedio per paura di atti terroristi. Qualche medaglia distribuita, orgogli nazionali da quattro soldi mentre i paesi sprofondano in crisi economiche senza precedenti. Che senso ha tutto questo spreco ?

Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Sab, 28/07/2012 - 15:13

è arrivato napolitano , non vinceremo nemmeno una medaglia di bronzo . non sono pessimista , ma lui mena gramo , visto il calcio ?

michele lascaro

Sab, 28/07/2012 - 16:06

Come al solito la Rai si è contraddistinta per la "commercializzazione" dei suoi programmi, a livello delle piccole emittenti di provincia e, comunque, di poco conto. Durante la sfilata delle delegazioni, non ha rinunciato alla pubblicità, offendendo profondamente non solo le delegazioni e gli atleti, ma anche, e soprattutto, la bandiera nazionale che li rappresentava e li precedeva. Non così si è comportata la tv satellitare tedesca Eurosport, che ho seguito dal momento in cui è cominciata la pubblicità Rai. Che ennesima vergogna!

GiuliaG

Dom, 29/07/2012 - 08:56

Gli inglesi pretendevano di fare pedagogia, ne è uscita un'apertura olimpica da realismo socialista che è culminata con l'elogio al servizio sanitario pubblico britannico, che cmq nessuno prenderebbe a modello. Da Sidney 2000 con gli aborigeni fino a ondra 2012 mi sembra si sia salvata solo la Grecia. Spero che questo andazzo si esaurisca qui, perchè non oso pensare cosa accadrebbe nel caso le olimpiadi venissero assegnate alla Francia. @Barbara, nonostante Napolitano abbiamo vinto, anzi, i tre pecoroni dell'arco hanno dedicato a lui la vittoria, dimenticando che li paghiamo tutti noi.