Oltre 1 miliardo per la base Usa in Sud Carolina

Il gruppo svedese darà lavoro fino a 4mila persone. «Vicini al cliente e azienda globale»

Charleston Nel mezzo del nulla, tra pinete, prati sterminati e sotto un sole cocente. Qui, nell'entroterrra della Carolina del Sud, Volvo Cars ha costruito il suo primo impianto negli Usa, mettendo quindi la bandierina su questo importante mercato e proponendosi come nuovo importante (e imprevedibile) attore globale.

La strategia dei proprietari cinesi di Geely, colosso che guada con interesse a Daimler, di cui è primo azionista, e probabilmente anche a Fca, ha rilanciato alla grande la Casa svedese, che ora può contare anche su due altri marchi: Polestar e Link & Co. «Noi mettiamo i soldi, voi il know how», è la ricetta vincente dei cinesi che permette a Volvo di continuare a crescere a livelli record.

In questo sperduto angolo del Sud Carolina, non lontano da Charleston, il gruppo ha investito 1,1 miliardi di dollari e darà lavoro (salvo imprevisti determinati dalla possibile applicazione di maxi-dazi sull'export) fino a 4mila persone.

Sul palco, circondata da una delegazione di operai in festa e con gli occhi lucidi per l'emozione, ecco la prima auto che sarà prodotta: la berlina dal taglio sportivo S60, alla quale seguiranno dei Suv. La notizia, oltre a quello del taglio del nastro, è che sarà la prima Volvo senza motori diesel. «Avere una fabbrica negli Usa - ha spiegato il numero uno, Håkan Samuelsson - ci permette di essere più vicini al cliente finale, di comprendere meglio questo mercato, oltre a confermarci come produttore globale. Essere qui, infatti, significa essere locali e allo stesso tempo globali. Resta da vedere quali decisioni saranno prese sul fronte dei dazi...».

PBon