Le pagelle di Belgio-Italia

Bonucci che lancio, Chiellini che muro. Gran gol di Giaccherini. Nel Belgio, Witsel disperso, Lukaku guarda la Bbc

ECCO I VOTI DELL'ITALIA

6 BUFFON Dice no a Nainggolan, spaventa in uscita Lukaku che sbaglia
un gol fatto.
7 BARZAGLI Fa sembrare facile qualsiasi cosa. Esperienza.
8 BONUCCI Il lancio con cui manda in porta Giaccherini è di rara bellezza.
E dietro non sbaglia praticamente nulla.
7 CHIELLINI Gli rimbalzano addosso tutti, soprattutto Lukaku, con le buone
o con le cattive. Come da copione.
7 CANDREVA Gioca sulla linea laterale, che più largo non si può. Perde a
volte il tempo, ma è ispirato. Un paio di svarioni, poi l’assist del 2-0.
6 PAROLO Il classico gregario a cui non rinunceresti. Prezioso, ma lento
quando prova a inserirsi.
6,5 DE ROSSI Più che regista, riferimento e filtro. Gira sempre nelle
stesse zolle. (Dal 33’ st THIAGO MOTTA sv: puntuale il giallo).
7 GIACCHERINI Un gol scudetto, al 93’ al Catania nel 2012. Dopo la Juve
ritrova Conte e lo ripaga con un gol europeo: lo stop è un capolavoro.
6 DARMIAN Più ala che terzino, tecnicamente da rivedere, sbaglia tanto
ma non abbassa mai la testa. Proiettato. (Dal 13’ st DE SCIGLIO 6 Subito in
partita, deciso come vuole il mental coach).
5,5 EDER Più calcioni, in avvio rischia due volte il giallo, che tocchi. Manca
l’ultimo passaggio e non è mai pericoloso. (Dal 30’ st IMMOBILE 6,5:
straordinaria volata e tiro, ma c’è Courtois).
7 PELLÈ La boa che lavora, ma non è assistito dai piedi. Di testa si divora
un gol, l’altro glielo nega il portiere. Si rifa di piede nel finale.
All. CONTE 8: A fari spenti batte una delle squadre migliori del mondo.
Lezione tattica al collega e ci regala il sogno di un Europeo diverso.

LE PAGELLE DEL BELGIO


7 COURTOIS Sul gol resta piantato per terra. Conferma la sua fama
mondiale sul colpo di testa di Pellè. Straordinario su Immobile.
5,5 CIMAN Difensore scivoloso, difensore pericoloso: rischia il rigore
su Giaccherini e sul gol non aiuta. (Dal 30’ st CARRASCO sv).
5 ALDERWEIRELD Si fa sorprendere sul lancio di Bonucci e guarda
l’avversario che segna.
6 VERMAELEN Dietro è quello che balla meno dei diavoli rossi.
5 VERTONGHEN Costretto sulle sue da Candreva che lo tiene in
ansia insieme con Parolo: limiti nel leggere le situazioni tattiche.
5,5 NAINGGOLAN Conosce gli italiani, per questo col passare dei
minuti s’innervosisce. Prova la sassata, ma deve fare i conti con
Buffon. (Dal 17’ st MERTENS 6 sicuramente aggiunge qualcosa).
5,5 WITSEL Uno dei due cugini di campagna versione belga. Lui
deve dare idee, gli restano intrappolate tra i ricci.
4 DE BRUYNE Un fantasma il sosia del principe Harry. Un guizzo.
5,5 FELLAINI Il secondo cugino di campagna si vede molto, aiutato
dalla capigliatura anche se conclude poco.
6 HAZARD Il tasto dell’interruttore è nei suoi piedi, ma la luce va a
intermittenza. Meglio nella ripresa.
4 LUKAKU Sbatte sul muro azzurro made in Juve. Guarda dal vivo la
BBC e se la ricorderà a lungo. Da incubo il gol che si divora. (Dal 28’ st
ORIGI 5,5 si mangia il pareggio).
CT WILMOTS 5 Le paure della vigilia si concretizzano tutte: l’Italia è più
squadra e dà una lezione ai suoi fenomeni. Ridimensionato.

Arbitro CLATTENBURG 6: non si fa notare. E per lui è una notizia.