Pallone d'oro, la Fifa designa i 10 candidati

Prima della finale di domenica prossima al Maracanà la Fifa ha diramato la lista dei dieci giocatori tra i quali sarà scelto il "Pallone d'oro" dei mondiali. Nelle nomination Germania batte Argentina 4 – 3, mentre gli altri candidati sono Neymar, Robben e James Rodriguez

Muller e Messi, due tra i favoriti al Pallone d'oro

Domenica prossima al Maracanà di Rio de Janeiro non si assegna solo la Coppa del mondo, in palio tra le nazionali tedesca ed argentina, ma anche una serie di premi individuali, il più prestigioso dei quali è il "Pallone d'oro" mondiale per il quale la Federazione internazionale ha scelto i 10 candidati, uno dei quali sarà premiato al termine della gara.

Bel 7 sono i candidati che appartengono alle due formazioni finaliste e verosimilmente saranno in campo nella partita diretta dall'arbitro italiano Rizzoli. Si tratta di quattro esponenti della nazionale di Loew, il capitano Lahm, il difensore Hummels, il centrocampista Kroos ed il cannoniere Thomas Muller, in cosa anche per il titolo di capocannoniere del torneo. Altri tre sono della formazione albiceleste, due del Barcellona, Lionel Messi e Mascherano, ed uno del Real Madrid, Angel Di Maria, l'unico veramente in forse per la finale, con Sabella che deciderà del suo impiego proprio all'ultimo minuto.

Gli altri tre candidati sono lo sfortunato Neymar, che per infortunio ha dovuto saltare la semifinale contro la Germania, l'olandese Robben e la grande sorpresa in positivo di questa edizione del mondiale, il colombiano James Rodriguez, uno degli artefici insieme al viola, Cuadrado, del grande cammino della sua nazionale.

La superiorità numerica dei Tedeschi potrebbe non bastare per vincere il titolo di miglior giocatore, anche in caso di vittoria della Germania nel mondiale, come dimostra quanto avvenuto nelle precedenti edizioni. Nel 2002 infatti il titolo fu vinto dal Brasile ed il portiere tedesco Kahn, che perse la finale, oltretutto caratterizzata da una sua "papera", fu eletto miglior giocatore. Nel 2006 la palma del migliore toccò a Zidane, nonostante la "testata" a Materazzi che ne provocò l'espulsione e nel 2010 gli Spagnoli vincitori del titolo non riuscirono a portare sul gradino più alto del podio uno tra Xavi, Villa ed Iniesta, che furono battuti da Forlan.