Parola d'ordine: aiutare a consumare meno

L'impegno dei costruttori sull'efficienza. Nuova generazione PZero

Valerio BoniDa oltre 150 anni la forma e l'aspetto sembrano non cambiare, ma a ogni cambio di stagione gli pneumatici si arricchiscono di nuovi modelli e tecnologie sempre più avanzate. Tuttavia qualcosa sta cambiando, come dimostrano alcune tra le novità presentate all'ultimo Salone di Ginevra, come l'AFC (Air Free Concept), in mostra allo stand Bridgestone, che propone una gomma con il battistrada appoggiato su una struttura a rete senza aria, destinata a mandare in pensione il classico pneumatico. Ancora più avveniristica è la proposta Goodyear, che ha mostrato per la prima volta il concept Eagle-360 che cambia radicalmente il punto di vista. È infatti una sfera collegata all'auto attraverso levitazione magnetica e realizzata con stampa 3D. Una forma che, secondo i progettisti, fornirà manovrabilità, grazie all'orientamento multiplo e antinausea, che consente alla vettura di muoversi in tutte le direzioni.Ma non sono mancate proposte più convenzionali, nuove tendenze già pronte per equipaggiare le nostre auto. Un primo nuovo indirizzo è indicato dai giapponesi di Yokohama, che stanno lavorando sulla possibilità di ridurre la resistenza aerodinamica durante il rotolamento, così da completare l'azione di contenimento dei consumi, avviata da tutte le maggiori Case con l'utilizzo di mescole a base di silice. L'evoluzione è rappresentata dall'applicazione di particolari alette sui fianchi, il cui obiettivo è quello di controllare e gestire i flussi d'aria.Sempre dal Giappone, Bridgestone presenta DriveGuard, una copertura che estende i vantaggi della tecnologia Runflat a tutte le auto, non solo a quelle che in primo equipaggiamento sono commercializzate con i cosiddetti pneumatici «antiforatura». Per poterle montare, a partire dal prossimo mese di giugno, sarà sufficiente dotare il veicolo di Tpms, il dispositivo che segnala la perdita di pressione a seguito di una foratura. In questo modo chi guida sarà avvertito dell'assenza di aria nella gomma, ma non dovrà fermarsi per montare una ruota di scorta. Perché la struttura più rigida consentirà di viaggiare per 80 km a una velocità fino a 80 km orari, un'autonomia sufficiente per risolvere l'inconveniente in modo sicuro. Da Firestone e Michelin arrivano invece proposte sul tema delle gomme per tutte le stagioni. Firestone Multiseason è idealmente dedicato agli automobilisti che vivono in regioni con clima mite, o dove pioggia e neve si alternano rapidamente nei mesi invernali. I punti di forza sono nella resistenza all'aquaplaning e nella motricità sulla neve. Michelin CrossClimate, premiato con l'Award della Gomma, può contare su tre nuove tecnologie in tema di architettura, struttura e materiali, che hanno reso possibile il raggiungimento della classe A (la migliore) nelle prove di frenata sul bagnato. Un risultato non semplice da ottenere per un prodotto che deve rispondere a molti compromessi. I francesi non hanno rinunciato a migliorare ulteriormente la gamma riservate alle vetture ad alte prestazioni, con il lancio del Pilot Sport 4.Pirelli risponde con l'ennesima nuova generazione del PZero, un capostipite della gamma che continuerà a essere declinato in edizioni spefiche per i modelli più performanti proposti da Ferrari, McLaren, Bentley, Lamborghini, Porsche e molte altre Case automobilistiche di assoluto prestigio.