Pennetta-Errani azzerano la Williams. È il doppio a regalare la serie A all'Italia

Tennis Fed Cup. Flavia trascina Sara davanti al suo pubblico. Le americane si arrendono (3-2) e retrocedono

Finisce a gavettoni. A Brindisi non è ancora stagione per i bagni in mare, ma Corrado Barazzutti non evita la doccia dalle sue ragazze in festa. Il punto decisivo nella splendida rimonta azzurra lo porta il doppio, con la nuova coppia formata dall'idolo di casa Flavia Pennetta e da Sara Errani orfana della partner storica Roberta Vinci. Annichilite le americane, con la numero uno del mondo Serena Williams, affiancata da Allison Riske causa l'assenza della sorellina Venus, che sporca il suo palmares perfetto con la prima sconfitta in carriera. L'Italia vince 3-2 e resta nel World Group di Fed Cup, la serie A. Un grandissimo risultato dopo il black out di Genova contro la Francia al primo turno e il sorteggio assai poco amico che ha scelto gli Usa.

Ma le scelte del capitano Barazzutti (criticatissimo dopo la sconfitta dell'Italia maschile in Coppa Davis in Kazakhstan, anche lì al primo turno) questa volta sono azzeccate. La Pennetta, tenuta a riposo nella prima giornata di fronte al suo pubblico, domina la McHale nel singolare che vale il 2-2 (6-1, 6-1) senza patema alcuno. La Errani prima aveva fatto tremare in singolare la numero uno del mondo. La piccola emiliana vince il primo set (6-4) contro una Serena che alterna vincenti e regali da fondocampo e non riesce mai a essere veramente esplosiva al servizio. Sara si issa fino al 5-4, 30-15 con servizio a favore nel secondo. Ma lì subisce il ritorno della numero uno del mondo. Che strappa il set al tie break e poi conquista il punto del 2-1 per le americane nel terzo (6-3) in una maratona da due ore e 25'.

Il doppio, come si pensava, è decisivo e qui arriva il capolavoro. Pennetta-Errani sono delle furie. Il primo set è uno sprint fulminante. Un 6-0 che mette alle corde la squadra a stelle e strisce, aggrappata alle voglie di Serena. Che si scuote in avvio di seconda frazione. Le americane scattano sul 2-0. Ma le azzurre non si perdono d'animo (2-2). Il break giusto arriva nel classico settimo game. Con la Riske al servizio è la Pennetta a passare la Williams con un dritto lungolinea che fa esplodere Brindisi. La standing ovation deve attendere soltanto due game. Prima l'Italia sale 5-3 poi sul servizio di Serena ecco i due match point. La numero uno del mondo annulla il primo, ma sul secondo non c'è niente da fare. Gioco, partita, incontro, ma soprattutto serie A. L'Italia inizia la festa.