Pericolo Psg: vuole Handanovic e corteggia Emery

I nerazzurri avrebbero in cambio Sirigu. Il Milan invece rischia di perdere l'allenatore. Dani Alves è della Juve

Il Milan aspetta, gli altri no. Si vedrà più avanti chi avrà avuto ragione: fatto sta che il Diavolo è fermo al palo in attesa di capire tra una decina di giorni, forse - che fine farà la società. E se la cordata cinese (che rimane misteriosa) si materializzerà davvero, bisognerà verificare a quel punto se Emery sarà ancora disponibile per la panchina: pare infatti che il Psg abbia fatto più di qualche sondaggio nei suoi confronti. Con l'Inter che è certamente più avanti dei cugini anche nella costruzione della squadra futura, chi è comunque messo meglio di tutti è come sempre la Juventus: la quale ufficializzerà nelle prossime ore Dani Alves, uno che ha già lasciato il segno con alcune dichiarazioni che ne fanno intuire il carattere: «Al Barcellona stavo troppo comodamente ormai. Io sono quel tipo di persona che, quando le cose sono facili, inizia a farle male. La mia intenzione è scrivere la storia anche altrove». Vivissimi complimenti, ecco: certi giocatori italiani aprano le orecchie e imparino. Rimanendo alla Juve (che segue anche Kovacic), è ormai certo l'arrivo di Berardi: 25 milioni al Sassuolo, come da intesa datata mesi fa, da verificare l'inserimento di 1-2 giovani.

L'Inter, si diceva. Dove Handanovic è in partenza, lusingato dalle offerte del Psg e dalla possibilità di giocare la Champions: 15 milioni o giù di lì e Mancini non farà obiezioni, anche perché dalla Francia arriverebbe a Milano (ma in trattativa disgiunta) Sirigu, vice di Buffon in nazionale. La Beneamata rimane interessata anche a Candreva e Gabbiadini: non saranno però trattative lampo. Si sta muovendo invece con decisione il Napoli, dove De Laurentiis ha individuato in Hector Herrera (più di Vecino) il rinforzo numero uno per il centrocampo: il Porto chiede 25 milioni, l'offerta è di 15 e la sensazione è che si possa trovare un accordo, puntando a fare (quasi) in fretta evitando che la Coppa America possa diventare una vetrina per il messicano. Non basta: con Vrsaljko diretto all'Atletico Madrid, è tornato d'attualità Widmer, svizzero dell'Udinese da cui potrebbe arrivare anche Zielinski. Quanto all'attacco, piace Lapadula: il Pescara è quasi in parola con la Juve (cui piace anche Caprari), il giocatore pare più propenso ad accettare il quadriennale dei partenopei. E' invece tranquilla (per ora) la Roma, dove il tema del giorno è la possibile partenza di Nainggolan con destinazione Chelsea: il giocatore rimarrebbe volentieri, ma pure lì i conti sono arancioni tendenti al rosso e, insomma, si vedrà. Certo che se gli inglesi tirassero fuori i 40 milioni richiesti, le valigie del belga sarebbero fatte.

Fuori dai confini nazionali, l'attenzione è infine tutta su Ibrahimovic e Vardy: il primo raggiungerà Mourinho allo United per la bella cifra di un milione al mese: «Il 7 giugno (domani, ndr) dirò dove andrò a giocare, la bomba che state aspettando. Nel club più grande di tutti. Ci sarà da divertirsi»; il secondo saluta il Leicester dei miracoli e si accasa all'Arsenal, pronto a pagare i 38 milioni della clausola e a garantirne quasi 8 al giocatore che fino al 2012 giocava nella terza categoria inglese.