Prandelli dice addio al Valencia e inguaia la Juventus con Zaza

Prandelli ha rassegnato le sue dimissioni al Valencia: il tecnico di Orzinuovi ha lasciato la panchina del club spagnolo dopo soloctre mesi

Il Valencia sta vivendo una delle stagioni più dure degli ultimi anni. Il club spagnolo, da sempre abituato ad occupare i piani alti della classifica occupa oggi il 17esimo posto a meno 5 dall'ultima posizione occupata dall'Osasuna. Cesare Prandelli a fine settembre, dopo due anni di inattività, aveva accettato la sfida ma dopo tre mesi ha alzato bandiera bianca. Il tecnico di Orzinuovi in 8 giornate di campionato ha ottenuto solo una vittoria, tre pareggi e 4 sconfitte. Ieri sera è arrivata l'ufficialità delle sue dimissioni e questa non è una buona notizia per il Valencia che ora dovrà trovarsi un altro allenatore, l'ennesimo di questa tormentata stagione.

Il Valencia e Prandelli hanno negoziato la risoluzione del contratto biennale e lo stesso club spagnolo ha annunciato, con un comunicato ufficiale, di essere rimasto sorpreso per tale decisione: "Il Valencia vuole chiarire i seguenti punti: Prandelli ha presentato le sue dimissioni in modo sorprendente e in un momento delicato a causa della difficile situazione della prima squadra; l'allenatore ha manifestato di non sentirsi capace di migliorare i risultati del club; la decisione è stata ancor più inaspettata nel momento attuale, considerando che il mercato invernale è alle porte e che la società sta lavorando su diversi obiettivi per rinforzare la squadra; a margine di questa decisione personale, il Valencia vuole ribadire la massima esigenza e fiducia nelle qualità dei suoi giocatori, in modo da ottenere i risultati migliori". Simone Zaza, vero obiettivo del Valencia per il mercato invernale, ora è sempre più lontano dal club spagnolo e la Juventus dovrà dunque trovargli una nuova sistemazione dato che sicuramente l'ex attaccante del Sassuolo lascerà il West Ham.