Prandelli in missione ceca: "Se guardo il Brasile, sogno"

"Ho preferito vedere Livorno-Empoli, meglio restare concentrati. Positivo  l'interesse estero per i nostri club". Gara a rischio: a Praga pericolo alluvioni

Firenze -  Quattro giorni all'obiettivo, il tarlo di Prandelli picchia lì. Il 7 giugno l'Italia si giocherà la qualificazione ai Mondiali 2014 con la sfida di Praga e dopo il cuore del ct sarà più leggero. Avrà spazio anche per ospitare la Confederations. Prandelli è così concentrato sull'impegno di venerdi, da aver ignorato addirittura Brasile-Inghilterra: «Non ho visto la partita del Brasile, vedere quella Nazionale fa sognare... Ho scelto Livorno-Empoli. Bisogna restare ancorati alla realtà, quindi dobbiamo pensare alla Repubblica Ceca». Un attimo di respiro e Prandelli snocciola il suo mantra con la forza della persuasione: «Praga, Praga, Praga: su questo dobbiamo restare concentrati, anche se pensare al Brasile fa davvero sognare».
Praga, però, vive un momento drammatico: c'è un'emergenza meteo, con rischio esondazione della Moldava. La Fifa in mattinata ha confermato che al momento, nonostante le criticità, non si parla di rinvio della gara, nè di annullamento. La Federazione è in stretto contatto con la Repbblica Ceka, è il vicepresidente Albertini ad occuparsene.

Le convocazioni non hanno portato sorprese, ecco le scelte del ct: Buffon, Marchetti, Sirigu, Abate, Astori, Barzagli, Bonucci, Chiellini, De Sciglio, Maggio, Aquilani, Candreva, De Rossi, Diamanti, Giaccherini, Marchisio, Montolivo, Pirlo, Balotelli, Cerci, El Shaarawy, Gilardino e Giovinco..
Ieri, poi, si sono aggregati i reduci della finale di Coppa Italia. I laziali Marchetti e Candreva, oltre al romanista De Rossi. Su di lui Prandelli si è espresso così: «Con l'Italia fa bene, con noi è sempre protagonista, forse nelle ultime gare è stato il migliore in campo perché non gli chiediamo di più di quello che può dare. Per questo riesce a reggere le pressioni».

A Coverciano si respira serenità, quella che latita intorno alla Roma: «La squadra giallorossa ha una potenzialità straordinaria, con individualità interessanti. I dirigenti saranno capaci di scegliere l'allenatore che valorizzi questo progetto tecnico».
Ma nel frattempo il calcio italiano sembra nel mirino di investitori stranieri. Il magnate indonesiano Thohir corteggia l'Inter: «Per me Moratti dovrebbe essere presidente a vita del club nerazzurro per passione, amore, vittorie conquistate e investimenti fatti. Parlando in generale credo che questo sia il futuro. L'Italia sta vivendo un momento particolare dal punto di vista economico, sociale e politico, ha necessità ma anche le qualità per risollevarsi e lìinteressamento di chi vuole investire lo ritengo positivo. È il segnale che il calcio attrae, che si intravedono nel nostro Paese settori che possono dare dei vantaggi economici».

Infine il mitico album. È stata presentata ufficialmente alla Nazionale la nuovissima collezione di figurine Panini sulla “FIFA Confederations Cup 2013“. La raccolta, la prima dedicata dalla Panini a questa importante competizione internazionale, comprende 240 figurine adesive (di cui 20 speciali olografiche) sulle 8 squadre partecipanti, che possono essere raccolte in un bellissimo album da 40 pagine. Tantissime le stelle del calcio mondiale presenti, tra cui Neymar, Suarez, Cavani, Iniesta e Casillas. Per la Nazionale italiana, non potevano mancare le figurine di Buffon, De Rossi, Montolivo, Pirlo, Balotelli e Maggio.