La profezia "fassiniana" di Caressa: "Figurati se l'Ajax batte la Juve..."

Fabio Caressa è stato di nuovo cattivo profeta. Dopo l'eliminazione dalla Champions della Juve per mano dell'Ajax, gira un filmato in cui il telecronista di Sky snobba i lancieri: "Gli olandesi? Dei fenomeni". E i social se la ridono

C'è una massima popolare, diffusa tra gli appassionati di calcio, per cui i pronostici li sbaglia solo chi li fa. Vero, ma se ad azzardare un pronostico è un giornalista sportivo di fama nazionale e la previsione finisce per essere smentita dai fatti, arrivano le pernacchie. Come sta succedendo in queste ore a Fabio Caressa. Dopo l'eliminazione dalla Champions League della Juventus per mano dell'Ajax, un "simpaticone" ha pensato bene di caricare sui social un video tratto da una puntata di qualche settimana fa di Sky Calcio Club, la trasmissione di Sky della domenica sera dedicata alla giornata di Serie A appena disputata. Nel corso del programma, a un certo punto, il giornalista romano aveva preso la parola commentando il sorteggio dei quarti di finale di Champions che aveva abbinato l'Ajax ai bianconeri.

"Quelli che ce l'hanno con il risultatismo e parlano di bel gioco... Per esempio, vediamo adesso l'Ajax con la Juventus. L'Ajax, squadra di fenomeni... Sono curiosissimo di vederla", il commento ironico di Caressa, che poi continuava così: "C'è questa divisione tra i situazionisti, quelli che dicono il grande gioco, l'Ajax, e la Juve che è un'altra cosa concretezza... Voglio vedere come va a finire. Poi per carità, l'Ajax è la grande sorpresa della Champions, gioca benissimo e si diverte. In campionato non è in testa ma vabbè". Facile smontare le sue considerazioni con il senno di poi, ma in 30 secondi Caressa ha portato fortuna all'Ajax due volte. La prima per quanto riguarda la sfida con la Juve, la seconda sul campionato olandese dove intanto i "ragazzini terribili" hanno stravinto 3-1 lo scontro diretto con il Psv conquistando così la vetta della classifica di Eredivisie.

Non è la prima volta che Caressa sbaglia una previsione. L'ultima volta era successo durante la finestra di mercato di gennaio, quando di fronte al possibile arrivo al Milan di Piatek per sostituire Higuain il giornalista si era sbilanciato: "Se chiudo gli occhi fatico a credere che il polacco sia meglio dell'argentino", un'opinione che oggi nessuno si sentirebbe di sottoscrivere. E qualcuno ricorderà anche il suo pronostico di Francia-Argentina, ottavi di finale del Mondiale 2018: "L'Argentina eliminerà la Francia". 4-3 per i galletti. Sipario.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Commenti

Massimo25

Mer, 17/04/2019 - 12:36

Caressa di calcio non sà quasi nulla

Klotz1960

Mer, 17/04/2019 - 14:20

Caressa, Gruber, etc: persone assolutamente ordinarie, rese straordinarie da tv e giornali.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mer, 17/04/2019 - 14:33

Caressa è un piacevole divulgatore ma,da come parla, dubito abbia mai fatto calcio ad un certo livello. Ajax non è una squadra di fenomeni ,è una fenomeno come squadra . La Juve del secondo tempo sembrava un bradipo alle prese con un branco di giaguari. Senza il superportiere poteva finire molto peggio.

kallen1

Mer, 17/04/2019 - 14:48

Caressa chi? Ahh il marito di Benedetta Parodi? Lui è conosciuto solo per questo.....

Massimo25

Mer, 17/04/2019 - 15:16

L'AJAX ha vinto non perché sia una squadrone.ma perché ha giocato a un ritmo che in Italia non regge e con alcuni giocatori di buona qualità ha distrutto la Juve..li vedrete con il City cosa faranno..

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mer, 17/04/2019 - 16:08

Risultatismo? Situazionisti? Questo è un supercazzolatore nato! Gli porgo i miei salutazionamenti. Sekhmet.

baronemanfredri...

Mer, 17/04/2019 - 16:49

VOLEVA DIRE NELLA SERATA DEL 31 APRILE 2025 LA JUVE VINCERA CON L'AJAX. INTANTO LA JUVENTUS E' STATA PULITA CON L'AJAX PERFETTAMENTE SPLENDORE PAVIMENTI E MAGLIETTE. JUVENTUS PULITIA PIU' BIANCO CHE PIU' BIANCO NON SI PUO'.

Fjr

Mer, 17/04/2019 - 17:15

Ammazza che gufata:)))))

rossini

Mer, 17/04/2019 - 18:16

Che figura di mmmerda! direbbe Emilio Fede.