Dal Psg 77 milioni di europer Thiago e Ibrahimovic Galliani vola a Parigi

Raggiunto l’accordo economico Thiago Silva-Psg manca quello con il Milan. In Brasile il suo erede

«Ai soldi non penso - ha detto Thiago Silva -. La mia forza è la famiglia e soprattutto Dio. Sono molto credente e la devozione che ho per Nostro Signore l’ho tatuata anche sul braccio. C’è scritto: “Non sono padrone del mondo, ma sono figlio del padrone”. Tutto quello che sta succedendo è solo grazie a lui». E nessuno si sogna neppure lontanamente di mettersi di traverso al principale. Neppure Paolo Fernando Tonietto, il suo procuratore, che sottoscrive tutto: «Se il Milan dovesse decidere di venderlo, sarebbe per Thiago il miglior momento per cambiare squadra. I principali club d’Europa volevano Thiago ma quasi tutti pensavano che il Milan non si sarebbe mai privato di uno degli elementi più importanti della sua rosa».

Infatti verso le due di ieri pomeriggio Adriano Galliani e Leonardo si sono incontrati all’Hotel Bristol di Parigi e hanno iniziato a trattare il trasferimento di Thiago Silva. Leonardo vorrebbe chiudere al volo per evitare inserimenti di qualunque genere e depositare subito oggi il contratto, giorno di apertura ufficiale del mercato francese. Prima di ripartire per Rio, Thiago Silva sta aspettando l’ufficialità, i suoi agenti hanno risolto gli ultimi dettagli sul contratto, manca l’accordo economico fra i due club. Paris Saint Germain e Milan starebbero lavorando attorno a una cifra di 40 milioni più bonus per altri 10, per un totale che sfiora i 50.

Diventerebbe l’acquisto più costoso della storia della Ligue 1, record precedente per un’altra operazione firmata dal presidente qatariota, l’attaccante argentino Javier Pastore pagato la scorsa stagione 42 milioni al Palermo. Trattativa seguita in diretta dal presidente Nasser Al Khelaifi che ha raggiunto la sede del club nel primo pomeriggio, ma le cose andranno per le lunghe, alle 18,53 Galliani e Leonardo dopo tre ore di trattative, hanno lasciato il Bristol. «Stiamo parlando - ha detto l’Ad rossonero -, ma non c’è ancora l’accordo, sarà una trattativa lunga». Resterà a Parigi ad oltranza nel tentativo di alzare il più possibile il cash. Il Psg prenderà Thiago Silva ma un po’ dovrà anche sudarselo.
Oligarchi russi e sultani arabi stanno stravolgendo la mappa del calcio, i club europei hanno il compito di imparare a usarli, ma è un cartello che funziona a intermittenza, non c’è collaborazione perché in realtà sono tutti pronti ad accoglierli a braccia larghe. Non è vero che in Italia non hanno interessi ad investire, attendono solo che i libri siano a posto e magari che a qualche altro club venga la voglia di farsi uno stadio di proprietà. I sacrifici del Milan per ripianare il passivo di bilancio sembrano orientati alla ricerca di un partner solido, il desiderio dell’Inter di costruirsi un impianto stadio anche.

L’erede di Thiago Silva non c’è, si può solo pregare per un altro colpo in Brasile da dove dovrebbe arrivare Dedè, centrale difensivo del Vasco da Gama che supera il metro e novanta, 23 anni, tecnicamente fortissimo, tatticamente acerbo. Ma costa poco, il Vasco chiede 12 milioni, il Milan vuole stare sotto i dieci. Ma adesso l’ad deve fare i conti con i malumori, dei tifosi, ma soprattutto del resto della squadra. Antonio Cassano ha fatto sapere la sua opinione: «La cessione di Thiago Silva è un delitto, lui vale il cinquanta per cento della squadra. Il mio sogno è tornare a giocare con la Sampdoria, a fine Europeo dirò quale sarà il mio futuro».

L’inattesa sconfitta della Svezia ha mandato fuori giri Zlatan Ibrahimovic che durante l’intervallo e poi a fine partita ha avuto un duro confronto con i compagni di squadra. Raggiunto con un sms da Thiago Silva che lo avvertiva, come da promessa fra i due, della sua cessione al Psg, Zlatan Ibrahimovic è rientrato in fibrillazione. Galliani al suo rientro a Milano è atteso da giornate non facili.
Adesso l’attenzione di Leonardo è tutta sull’esterno basso di destra, nel mirino due brasiliani, Dani Alves del Barcellona e Douglas Maicon dell’Inter. Se dovesse arrivare una buona offerta, il Barcellona si separerebbe da Alves dopo una stagione giudicata mediocre e con un potenziale sostituto già in casa, Martin Montoya, altro prodigio della cantera catalana.

Se Maicon non va a Parigi rischia un’altra stagione a Milano, questa volta dopo aver chiaramente fatto intendere che ne aveva abbastanza. Resta il migliore nel suo ruolo, se è vero che il Psg gli offre solo una stagione in più di contratto alla stessa cifra che percepisce dall’Inter, non si comprende come mai la società non gli prolunghi di un anno il contratto, questo sarebbe un sacrificio sensato, più del rinnovo di Cristian Chivu.

Commenti

gianni piquereddu

Mer, 13/06/2012 - 10:47

Vendere Vendere Vendere-incassare Incassare Incassare- Acquistare Acquistare Acquistare

Ruy Diaz

Mer, 13/06/2012 - 10:55

Uno schiaffo alla povertà!

nanny55

Mer, 13/06/2012 - 11:19

Da buon milanista di cinquantennale militanza, non potrei essere più felice: Thiago più Zlatan al PSG. Suggerirei anche di includere in omaggio (3x2) uno tra Boateng e Nocerino. Si otterrebbero così due grandi risultati: una "paccata" di milioni di euro e un grossissimo risparmio sul monte stipendi. Come dite ?? Il Milan non c'è più ?? Dettagli !!!! Comunque vinceremo campionato e Champions. Tremate, sono tornati i tempi di Giussy Farina (per chi se lo ricorda).

cotoletta

Mer, 13/06/2012 - 12:21

non provate un minimo di vergogna a pubblicare questi articoli in un periodo così PARTICOLARE? l'unica cosa sensata detta da monti: FERMARE I CAMPIONATI!!!!!!!!!

Ritratto di ettore muty

ettore muty

Mer, 13/06/2012 - 13:04

ma perche il berluscaz non vende a debenedetti? cosi puo fare un conguaglio con quanto gli deve per la mondadori

alessandro bettoni

Mer, 13/06/2012 - 13:16

Thiago via. Ibra via. Boateng via. Nocerino via, alta plusvalenza. Pato via o Berlusconi è sotto ricatto morale con figlia ed ex Veronica Lario? Quando il Milan agli arabi? Speriamo presto. Tutta questa paccata di quattrini pareggia i debiti del Milan per la vendita agli arabi di Dubai e quello che avanza finisce in Mondadori della Marina B.. Sai i 500 milioni dati a De Benedetti scottano ancora e chissà per quanto tempo ancora. Meglio venderlo il vecchio Milan; anche perchè a Berlusconi non serve più come traino di voti. Quindi meglio venderlo e adios. Poi alla formazione ci penserà il prossimo allenatore e nuova proprietà. Per i centrali di difesa ce ne sono tre buoni all'Afforese e alla Bollatese e alla Gescal Boys.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mer, 13/06/2012 - 13:33

Vendere Thiago e Ibra a quelle cifre è doveroso. Il Milan figura nei bilanci Fininvest e di questi tempi non si può correre il rischio di licenziare dei poveri cristi che fan tutt'altro lavoro per i capricci di quattro scalmanati tifosi. Se Cassano vuol tornare alla Samp si accomodi. Lui e i due suddetti sono bravi ma non i migliori al mondo come certi giornalisti sostengono. Il mondo è vasto e a cercare bene vi si trova di tutto. Tenere in società gente a cui sono stati offerti simili ingaggi non è possibile. Eppoi i parigini dovrebbero meditare su Kaka e Sheva, venduti a prezzi simili a questi e poi due autentiche sole. Piuttosto se i tifosi han qualcosa da recriminare facciano una class action, tirino loro fuori i soldini e facciano un Milan stratosferico come piace a loro. Si può.

Ritratto di ettore muty

ettore muty

Mer, 13/06/2012 - 13:42

mauriziogiuntoli : e' doveroso anche non prendere in giro i tifosi

sergiantonio

Mer, 13/06/2012 - 13:47

Bel colpo grande Milan! Adesso la Società rossonera dovrebbe completare l'opera di risanamento dei suoi conti vendendo in blocco, dopo Thiago Silva, Ibra assieme a Pato El Shasrawi Cassano e qualche altro dai piedi buoni. Dopodichè la dirigenza milanista dovrebbe attrezzare al meglio la compagine per affrontare dignitosamente un previsto futuro in serie B in compagnia di vecchie glorie come il Pro Vercelli ed altre nobili decadute, quindi otima compagnia. Ad Meliora!

franky6464

Mer, 13/06/2012 - 15:12

dispiace ma credo che silvio sappia il fatto suo. aspettare per vedere. E come al solito i signori commenti critici non tardano ad arrivare, non solo tutti politici e tutti allenatori ma anche dirigenti e imprenditori...che popolo al di sopra di ogni cosa!!!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mer, 13/06/2012 - 15:28

#8 ettore muty I tifosi si prendono in giro da soli. Intanto perchè sono tifosi che vuol dire persone in stato febbrile. Eppoi perchè nessuno vieta loro, in un paese di cooperative, di fare una class action, mettere insieme un bel gruzzolo, comprare quote del milan e dire quel che pensano al tavolo di comando. Succede, in molte parti del mondo. Qui invece il tifoso è sacro, violento, ignorante e pure arrogante. Insieme a quello degli stadi pubblici e della Federazione (organico pletorico e poteri eccessivi) è l'ostacolo principale al progredire del calcio. E non solo.

G_Gavelli

Mer, 13/06/2012 - 15:49

Una cosa è chiara, credo proprio non solo a me: mi associo completamente, sulla vicenda Milan, a quanto detto ieri da Cassano in Conferenza Stampa. O il Milan vuole essere competitivo per la Champions, che va ben oltre per i Campioni con la C maiuscola al campionatino nazionale, oppure questi se ne vanno. Berlusconi non può o non vuole spendere? Se lo fa mettere in quel posto dal fair-play di Platini (che lascia "libera" però la sua Juve)? Caktus suoi, ma abbia allora la compiacenza di cedere il Milan a chi i soldi li ha, li vuole spendere ed alla faccia di Platini. Via Thiago, se ne andranno anche Ibra, Cassano, Robinho e perchè no, anche Pato. Amici cari, di un Milan tutto italiano ma perdente noi tifosi non ce ne facciamo un kaktus! Sono innamorato della fantastica (terremotata ma tutti tacciono) Reggiolo e della sua gente, quindi anche di Carletto Ancelotti: tiferò PSG...che problema c'è...e dire che non ho molta simpatia per i Francesi.

alessandro bettoni

Mer, 13/06/2012 - 16:04

La proprietà non ha bisogno, più, dei voti trainati da un super-milan. Ha solo bisogno di quattrini per mettere in ordine i bilanci mondadori. Pertanto incominciamo a imparare l'arabo o il cirillico per capire la nuova proprietà. Grazie comunque per le 5 coppe dei campioni conquistate.