Psg, ennesimo fallimento in Champions. Al-Khelaifi: "Delusi, difficile da accettare"

Il Psg ha fallito ancora l'obiettivo Champions nonostante gli oltre 400 milioni di euro spesi per portare alla corte di Emery Neymar e Mbappé. A fine stagione sarà addio con il tecnico spagnolo

Il Psg, per l'ennesimo anno di fila, ha fallito il suo più grande obiettivo: la Champions League. I parigini per anni stanno dominando in Ligue 1 ma Nasser Al-Khelaifi vuole una cosa sola: trionfare in Europa. Unai Emery ha fallito come i suoi predecessori e il divorzio a fine stagione appare più che mai scontato. Lo sceicco, a fine partita ha commentato sconsolato: "Siamo molto delusi. Nessuna critica, parleremo nello spogliatoio. Ci calmeremo e poi penseremo a cosa è meglio fare. Il rosso di Verratti ha ucciso la partita. È una sconfitta difficile da accettare".

Il Psg, nonostante gli oltre 400 milioni di euro spesi in estate, non è riuscita ad andare oltre gli ottavi di finale di Champions League ed ha messo insieme la sesta eliminazione di fila. Dal 2011ad oggi la famiglia Al Thani ha versato miliardi di euro nel giocattolo Psg ma in Europa ha sempre fallito amaramente. Dai parigini sono passati giocatori del calibro di Cavani, Ibrahimovic, Neymar e tanti altri, ma anche allenatori come Ancelotti e Blanc: in Champions League, però, tutti quanti hanno fallito e disatteso le aspettative del numero uno del club. Il primo a pagare, a fine stagione, sarà l'allenatore spagnolo Unai Emery che aveva avuto una seconda chance dopo essere stato umiliato nella passata edizione della Champions proprio dal Barcellona di Neymar che dopo aver perso 4-0 a Parigi, vinse per 6-1 al Camp Nou eliminando il Psg.