Psg, dopo i 222 milioni per Neymar, ecco i 180 per Mbappé

Il club parigino non si ferma più e dopo l'acquisto di Neymar si porta a casa anche il baby-fenomeno del Monaco, Kylian Mbappé

Il Psg non si ferma più. Dopo l'acquisto da capogiro di Neymar, ecco il talentuosissimo attaccante classe 1998 Kylian Mbappé, proveniente dal Monaco: un'operazione da 180 milioni di euro. È questa l'ennesima follia estiva dell'emiro Tamim bin Hamad al-Thani, che dopo avere completato l'affare più costoso di sempre con il brasiliano del Barcellona, completa la pattuglia di fenomeni nel reparto offensivo con l'innesto del baby-prodigio Mbappé, esploso l'anno scorso nel Monaco e finito nel mirino di molte squadre europee come il Real Madrid.

Alla fine, però, è stato il club parigino a fare l'affondo decisivo. Il Monaco si è definitivamente convinto dopo l'ultimo rialzo di oggi: 160 milioni di euro più 20 di bonus, per un totale di 180 milioni di euro che piazzano Mbappé al secondo posto nella classifica dei calciatori più costosi di sempre. Per lui, ovviamente, un ingaggio principesco che sarà reso noto a breve.

L'indiscrezione che racconta l'affare definito tra le due società transalpine arriva dalla Spagna. Secondo il quotidiano "Marca" il Psg ha vinto la concorrenza accettando tutte le condizioni imposte dal padre del ragazzino prodigio, che gli fa anche da procuratore. Secondo alcune voci, Mbappé avrebbe preferito il Real, ma il papà lo ha convinto a scegliere il Psg.

Una decisione in extremis che regala al Paris Saint Germain la palma di squadra più spendacciona d'Europa. Quest'estate il club dell'emiro Tamim bin Hamad al-Thani ha speso complessivamente 418 milioni di euro: 222 per Neymar, 180 per Mbappé e "appena" 16 per il terzino Berchiche. In attesa di altri colpi, s'intende.

Con l'acquisto dell'ormai ex attaccante del Monaco, il Psg non si nasconde più: l'obiettivo da centrare quest'anno è la Champions League, vera maledizione degli ultimi anni.

Commenti
Ritratto di mvasconi

mvasconi

Ven, 11/08/2017 - 07:03

uno schifo. fermiamo il calcio