Putin bacchetta lo Zenit: "Troppi stranieri contro la Real Sociedad"

Vladimir Putin ha ripreso il Presidente dello Zenit, squadra per la quale fa anche il tifo: "8 stranieri in campo contro la Real Sociedad. Il tuo discorso è interessante ma i fatti sono diversi"

Lo Zenit San Pietroburgo allenato da Roberto Mancini sta conducendo la classifica del campionato russo, a quota 28 punti, frutto di 8 vittorie e 4 pareggi. Anche in Russia, come in tutti gli altri campionati europei, militano diversi calciatori stranieri e lo Zenit di Mancini ne annovera ben 9 nella propria rosa anche se in realtà non è la squadra con il numero maggiore di calciatori stranieri. Il Krasnodar, ad esempio, ha ben 13 giocatori non provenienti dalla Federazione russa in rosa e dietro questo club ci sono lo Spartak Mosca, con 12, il Rubin Kazan e il Lokomotiv Mosca con 11.

Nonostante questo Vladimir Putin su questo argomento ha bacchettato il Presidente dello Zenit, Sergey Fursenko in quanto Mancini ha schierato ben 8 calciatori stranieri, nel match di Europa League vinto 3-1 contro la Real Sociedad. Durante un incontro che aveva come tema lo sport e il calcio russo, Fursenko ha illustrato a tutti i suoi progetti. Putin, ad un certo punto del discoso, però, l'ha ripreso: “Ben fatto, Sergey! Il gioco veramente russo è il calcio. Otto stranieri in campo con lo Zenit contro la Real Sociedad in Europa League. La formazione titolare con due soli calciatori e il portiere della Federazione Russa. È molto interessante il tuo discorso ma i fatti sono diversi”.