QUI MADRID

Non ci sono vie di mezzo. Per Carlo Ancelotti. Fare la storia o fare le valigie. Eliminare i bianconeri significherebbe giocarsi la possibilità di diventare il primo tecnico ad alzare per quattro volte la coppa dalle grandi orecchie.

Si può spiegare così la serenità ostentata nelle parole della vigilia, ad eccezione della risposta all'agente di Bale che aveva accusato i giocatori del Real Madrid di non passare palla al suo assistito: «Meglio se fosse stato zitto, c'è gente che parla troppo». Per il resto la parola d'ordine è tranquillità, la chiede ai tifosi per permettere ai giocatori di dare il massimo: «Possiamo scrivere un'altra pagina di storia. E lo faremo se saremo tranquilli e concentrati, ma soprattutto tranquilli».

Ancelotti non si sbilancia sulla formazione, ma probabilmente Ramos tornerà in difesa per varare un centrocampo di qualità con Kroos, Isco e James Rodriguez. Il colombiano ha detto di aspettarsi la Juve con cinque difensori e tutta in difesa, Carletto non ci crede e lancia la sfida ad Allegri: «Non parcheggerà il bus davanti alla porta».