Il Real fa sul serio e accelera su Cavani Chelsea alla finestra

Pressing del City su El Shaarawy, ma l'offerta da 40 milioni oggi non sembra credibile

Aurelio de Laurentiis adesso deve decidersi su Edinson Cavani dopo aver rifiutato i 50 milioni di Roman Abramovich. Florentino Perez sta per formalizzare la sua offerta che comprende tutto il possibile: cash, contropartite tecniche e bonus in base ai traguardi raggiunti, il Real Madrid fa sul serio. Marca scrive di una maxi offerta e punta tutto sui desideri del Matador e del suo entourage che da sempre lo spinge verso i blancos. Il Chelsea e il Madrid hanno tempo fino al 10 agosto, dopodiché la clausola rescissoria decade e Cavani non è più in vendita. Al momento De Laurentiis fa sapere che vince chi si presenta con 63 milioni in bocca, tanti, lo sa anche lui. Così come il 10 agosto è una data troppo avanzata per potersi poi muovere agevolmente sul mercato. Al momento il patron non vende, eventualmente compra, e se rilancia un'offerta alla Roma di 40mln per Lamela e Marquinhos, significa che la crisi c'è ma non pesa uguale da tutte le parti. Anche se difficilmente si troverà qualcuno disposto a sborsare 63 mln cash per il capocannoniere della serie A.

Lo United ha offerto 40 mln per Cesc Fabregas, Cristiano Ronaldo non rinnova con il Real Madrid e Florentino non è tranquillo. Le Parisien scrive che il Monaco avrebbe preparato un contratto da 23 mln a stagione sul quale manca solo la firma del portoghese che in settimana ne ha rifiutati 18 dal Madrid. E ha anche preso contatti con il Psg che sta cercando di capire come poter entrare nell'affare. Anche qui c'è una data di scadenza, giugno 2015, fine del contratto con il Madrid. Florentino, messo in un angolo dalla fuga improvvisa di tesserati dal club, ha giurato ai soci che Cristiano Ronaldo non lascerà Madrid. E per mantenerla dovrà spendere una cifra che equivale al budget di un buon club di serie A. E non basta, il Monaco sarebbe disposto anche a riconoscere al giocatore e al suo agente Jorge Mendes una decina di milioni al momento della firma. Florentino, stressatissimo, si è detto disposto a trattare i diritti d'immagine che passerebbero interamente nelle mani di Ronaldo con una decisione che non ha precedenti nella storia del club e gli causerà un'intensa coda fuori dal suo ufficio da parte del resto della rosa. Cifre che mettono in secondo piano perfino l'asta su Wayne Rooney che dichiara di voler lasciare Manchester ma campeggia nella campagna pubblicitaria della nuova maglia dei Red Devils. C'è Arsene Wenger però che dichiara: «Ora abbiamo i soldi per competere con il Bayern Monaco e comprare Rooney». L'Arsenal sarebbe disposto ad offrirgli 200 mila sterline a settimana e a versare nelle casse dello United 20 milioni. Spiccioli, cifre addirittura inferiori a quelle che girano attorno a Stephan El Shaarawy.

Il City sarebbe in pressing, offerta da 40 mln. Lo volevano già a gennaio e il Milan ci sta pensando. Ma qualcosa non torna e questa offerta sembra più un avviso al navigante. Eccessiva e intempestiva, proprio nel momento peggiore della sua giovanissima carriera, Stephan si ritroverebbe catapultato in Premier, sogno di una vita di celebrati campioni con un ingaggio da svenimento. Perfino Gonzalo Higuain e Carlitos Tevez vengono via con meno. L'Arsenal per i bookie inglesi ha chiuso per Higuain e l'incontro di oggi al Bernabeu fra la dirigenza del Madrid e quella della Juventus non avrà il Pipita per argomento. I Gunners sarebbero pronti a sborsare 23,5 mln per Higuain con il quale hanno già raggiunto l'accordo. Il City sembra sceso sotto la richiesta di dieci mln per Tevez e alcune agenzie inglesi pagano già le puntate sul suo sbarco a Torino con tanto di cifre: triennale a 8mln fra ingaggio e bonus vari.

Il mercato di casa è molto più morigerato, da noi la crisi batte in testa. Saltato e forse neppure mai nato lo scambio fra Ranocchia e Marrone. E ora il giovane talento bianconero potrebbe finire a Udine in cambio del riscatto di Isla. Marotta sta arrivando facile su Ogbonna, per Andrea Ranocchia resta l'offerta del Manchester United, ma David Moyes dopo un primo contatto è sparito dai radar.

La dirigenza Juve oggi incontra Florentino Perez e possono nascere belle storie, in settimana poi ci sarà l'incontro chiesto dai Della Valle per discutere di Stevan Jovetic, 30 mln prendere o lasciare. E poi attenzione: al Milan c'è all'orizzonte un'altra rivoluzione, sta nascendo una squadra tutta costruita attorno a Mario Balotelli.