La Red Bull chiude ad Alonso: "Lui da noi? No, crea solo caos"

Horner, team principal della Red Bull, ha chiuso alla possibilità di vedere Alonso al posto di Ricciardo: "Tende a provocare il caos ovunque vada. Io non sono sicuro che sia la soluzione migliore per noi"

La Red Bull ha da poco dovuto incassare l'addio di Daniel Ricciardo che nella prossima stagione correrà per la Renault. Il pilota australiano ha preso questa sofferta decisione con la casa austriaca che dovrà ora trovare un degno sostituto. Si era profilato uno scambio di piloti con Fernando Alonso in Red Bull ma Christian Horner ha chiuso le porte in faccia al pilota spagnolo ex Ferrari: "Scambio con Alonso? Crea solo caos". Il team manager della scuderia austriaca ha poi tirato una stoccata a Ricciardo: "Daniel potrebbe pentirsi della sua decisione. Non l'ho ancora accettata. Ho pensato che stesse scherzando, ma lui è stato chiaro e rispettiamo la sua scelta. La Renault è una squadra in crescita, ma è lo stesso difficile da capire. Avrà le sue ragioni. Avrei potuto capirlo se fosse andato in Ferrari o Mercedes, ma è un enorme rischio in questa fase della sua carriera".

Horner ha parlato così a Beyond the Grid, il podcast ufficiale della Formula Uno ed ha poi specificato: "Ho grande rispetto per Fernando. Lui è un grande pilota, davvero grande ma penso che vederlo alla Red Bull sarà molto difficile. Tende a provocare il caos ovunque vada. Io non sono sicuro che sia la soluzione migliore per noi". Alonso, tra l'altro, anni fa ha rifiutato più volte il trasferimento in Red Bull con il capo manager della scuderia che ha spiegato i motivi per cui si preferisca puntare su altri profili: "Preferiamo investire nei giovani piuttosto che firmare con qualcuno vicino alla fine della carriera. Siamo fortunati ad avere sotto contratto grandi talenti, adesso studieremo la situazione e prenderemo la decisione giusta. D'altronde, ogni volta che abbiamo optato per i nostri piloti, abbiamo avuto successo: Vettel, Ricciardo, Verstappen, Sainz, Gasly".