Il retroscena sulla candela di Suzuka: la mossa dei tecnici Ferrari

Una candela ha compromesso la corsa al mondiale della Ferrari. Ecco perché non è stata sostituita sulla griglia di partenza

Una candela ha compromesso la corsa al mondiale della Ferrari. Bruciano ancora le ferite di Suzuka e adesso per il titolo iridato i giochi sono praticamente chiusi. Chiusi perché Hamilton è fuggito via vincendo anche in Giappone e la Ferrari è rimasta ferma al palo dopo pochissimi giri. Ma su quanto accaduto in pista emergono nuovi retroscena. A quanto pare i meccanici della rossa sapevano già del prblema in griglia di partenza. Ma la scelta tecnica è stata quella di non sostituire la candela. E i motivi li spiega bene motorsport.com. Di fatto la sostituzione della candela avrebbe comportato un grosso prblema in fase di partenza. Infatti per operare a pieno sulla candela la Ferrari avrebbe impiegato almeno 20 minuti. Per sostituirla va smontato il retrotreno e poi va tolto il cappellotto che porta alla bobina. E sempre nella bobina è presente un chip che consente il funzionamento. I tecnici hanno optato per un reset elettronico, ma l'imprevisto si è subito presentato dietro l'angolo. Un cilindro è rimasto senza corrente e da qui il ritiro della "rossa" di Vettel. Con la candela di Suzuka si spegono le speranze mondiali di tutti i ferraristi.


Commenti

onurb

Lun, 09/10/2017 - 17:50

Non ho capito: se sapevano già del problema perché non sono intervenuti prima?