Roma, ancora emergenza ultrà Un papà Reds è in fin di vita

Guerriglia fuori da Anfield. In coma irlandese di 53 anni. Due arresti grazie a nostri agenti infiltrati

Marcello Di Dio

nostro inviato a Liverpool

Dal sogno della finale di Champions all'incubo di una possibile esclusione dalle Coppe Europee. È la sanzione estrema che l'Uefa potrebbe applicare alla Roma dopo quanto accaduto ieri ad Anfield Road. Lo stadio sta per riempirsi, il fischio di inizio è programmato 45 minuti dopo, ma all'Albert Pub, il ritrovo dei tifosi dei Reds a due passi dalla Kop - la celebre curva del Liverpool - si vivono minuti di tensione. La rissa, gli scontri di un'ottantina di tifosi giallorossi con la polizia, poi quelli con i supporter di casa. Un blitz organizzato con ragazzi incappucciati di cui fa le spese Sean Cox, 53enne tifoso irlandese dei Reds e padre di due figli, colpito con una cinghia alla testa e pare anche da una coltellata e ora in coma al centro neurologico di Walton in condizioni critiche per gravi danni al cervello. L'uomo, che fa parte di un club di calcio gaelico, era andato a seguire la partita di Champions insieme al fratello. La moglie Martina è arrivata in aereo da Meath, in Irlanda, per stare accanto al marito. La situazione è talmente disperata che - secondo la testimonianza di alcuni parenti - si starebbe valutando se dare l'ok a fermare le macchine che lo tengono in vita.

«Un vero e proprio assalto», diranno gli inquirenti inglesi. Che dopo aver analizzato foto e immagini, anche amatoriali (il video dell'aggressione fa il giro del web in pochi minuti), fermano sette tifosi della Roma che saranno presto rimpatriati al termine dei controlli di rito e ne arrestano altri due. Si chiamano Filippo Lombardi, 21 anni, e Daniele Sciuscio, 29. Cani sciolti, secondo la polizia, visto che non viaggiavano con il charter dei tifosi della Roma. Entrambi sono in custodia cautelare con l'accusa di tentato omicidio e saranno trattenuti per il processo. Sono stati gli agenti al seguito del gruppi dei sostenitori giallorossi a riconoscerli e a collaborare con la polizia britannica per identificarli e poi catturarli.

La Roma ha condannato «l'aberrante comportamento di una ristretta minoranza di tifosi in trasferta che hanno arrecato vergogna al club e alla stragrande maggioranza dei romanisti che hanno avuto una condotta esemplare ad Anfield». «Siamo profondamente scioccati dal vile attacco avvenuto prima di Liverpool-Roma», la nota dell'Uefa che aprirà un'inchiesta sull'accaduto. E si dice pronta a prendere provvedimenti esemplari. Questi possono andare dalle trasferte vietate alla squalifica sub judice per due anni che diventerebbe effettiva al ripetersi di incidenti. Mentre il Codacons chiede la chiusura dell'Olimpico, a Roma la questura è già al lavoro per il piano sicurezza in vista del ritorno del 2 maggio. Tornando ai provvedimenti Uefa, i tempi per una decisione potrebbero essere lunghi. Il 31 maggio ci sarà l'udienza per il comportamento violento dei tifosi del Liverpool prima del quarto di andata col City. Nessuna decisione, invece, per quanto accaduto a Bilbao il 23 febbraio quando morì d'infarto un agente basco negli scontri coi tifosi dello Spartak Mosca. La stangata è arrivata solo per il Panathinakos (3 anni senza Coppe) ma per non aver rispettato le regole del fair play finanziario.

Commenti

Marzio00

Gio, 26/04/2018 - 08:34

Onde evitare un'inutile e certa guerra tra i tifosi a ROMA in occasione del ritorno la UEFA dovrebbe dare la vittoria a tavolino 2-0 ed esclusione alle competizioni internazionali per 2 anni per il club.

Gibulca

Gio, 26/04/2018 - 09:35

Questa è la tifoseria romana e giallorozza in particolare. Gente arrogante, supponente, che si crede migliore degli altri, violenta, incivile e pronta a prevaricare. Non mi riferisco solo al calcio ma anche alla vita di ogni giorno. Del resto Roma è ridotta in uno stato pietoso non certo per colpa della Raggi (che pure ha tante colpe) né per colpa dei precedenti sindaci di sinistra e di destra (che pure hanno tante colpe) ma per colpa di una popolazione atavicamente rozza e incivile. Non per nulla, se non fosse stato per i lavori pubblici, questa specie di città sarebbe stata terra di emigrazione verso il nord Italia, dove la gente rispetta le leggi e vive con umiltà e rispetto. E dove le squadre vincono campionati e coppe da tempo immemore. VERGOGNA romani!

BER

Gio, 26/04/2018 - 10:07

Gibulca: "Giugno 1989: prima di Milan-Roma un gruppo deviato del tifo milanista aggredisce e uccide il dicannovenne tifoso giallorosso Antonio De Falchi. " e se non trovano nessuno da ammazzare si limitano a buttare motorini dal secondo anello! Un consiglio agli amici di Gibulca:"Levateje er fiasco!"

adal46

Gio, 26/04/2018 - 10:20

Con fatti simili occorre PUGNO DI FERRO con GUANTO D'ACCIAIO: altrimenti con mezze misure non ce la caveremo più.

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 26/04/2018 - 11:10

Questi sono i risultati delle leggi buoniste italiane. Se per un omicidio prendi 14 anni e nei fai 7, in paragone una cosa come questa è da medaglia al valore.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 26/04/2018 - 12:05

gibulca, hai bisogno di purgarti! sei un verace giubentussino di origini meridionali(pugliese?)hai vomitato più stizza, presupponenza,arroganza e ignoranza, tipica di chi non ha storia e cultura, come un qualunque barbaro!