La Roma passa a Frosinone. Due reti danno la vittoria ai giallorossi

La Roma si impone al Matusa con due goal nel finale dei due tempi di gioco. Continua la marcia iniziata contro la Juve

La Roma si impone 2 a 0 sul Frosinone al Matusa con due reti segnate nei finali dei due tempi e continua la marcia
cominciata con la vittoria sulla Juventus. La squadra di Garcia non è stata però all’altezza della sfida con i bianconeri, risultato a parte, e ha molto sofferto, specie nella ripresa, il gioco dei ciociari, i quali, in un retaggio dai tempi della Lega Pro, con Gervasoni non sono mai fortunati. I gialloazzurri, fermi a quota zero dopo tre partite, in particolare hanno da recriminare per un episodio avvenuto al 16’ st quando il giallorosso Digne ha deviato in area con la mano un cross di Rosi: l’arbitro mantovano non ha concesso il rigore, con il difensore francese che ha simulato una botta del pallone sul viso. Altro episodio contestato è quello del secondo gol romanista, in pieno recupero, quando Iturbe prima di segnare ha toccato Pavlovic ma Gervasoni ha lasciato proseguire.

La Roma ha in parte deluso con un Totti, al debutto in campionato, decisamente evanescente. Evidentemente il pensiero già al Barcellona forse ha condizionato la squadra di Garcia, che aveva optato per un 4-2-3-1 con il capitano schierato a fianco di Gervinho, anche lui poco convincente, e Iago Falque, invece uno dei migliori tra i suoi, alle spalle di Dzeko punta avanzata. Il Frosinone, penalizzato dall’assenza dell’influenzato Gori e dall’uscita dal campo dopo 20’ di Gucher, ha pagato un prezzo alto nel settore chiave del suo schieramento e cioè l’interdizione e la cabina di regia. Ma nonostante tutto Cibsah e Sammarco, i sostituti hanno giocato una gara più che sufficente.

Nei primi 45’ minuti, Roma subito pericolosa con Dzeko all’11’ su traversone radente di Iago Falque, la punta di Garcia non riesce nella deviazione. L’azione più pericolosa del Frosinone arriva al minuto 28’ con un sinistro di Tonel che impegna severamente Szczesny che devia in angolo. Nel finale arriva la rete di Falque, con una zampata da sottomisura su cross dalla sinistra.

Secondo tempo ricco di azioni. L’ex di turno, Rosi, buona la sua gara, è quello che crea le azioni migliori. Al 3’ Szczesny tiene a terra un suo destro e al 16’ sempre il tornante canarino reclama per il rigore già raccontato. Al 17’ boato del «Matusa» ma il colpo di testa di Daniel Ciofani sfiora il palo. Al 28’ giusta ammonizione di Rosi che si lascia platealmente cadere in area. Al 28’ si vede finalmente Totti quando già è pronto il cartello della sua sostituzione. Tiro dal limite ma fuori bersaglio.

La Roma, si difende e riparte negli spazi che il Frosinone lascia inevitabilmente scoperti. Al 40’ traversa di Florenzi e al 48’ il raddoppio di Iturbe hanno dato maggior peso alla prestazione dei giallorossi, che però mercoledì con il Barcellona in Champions League dovranno fare un’altra prestazione.