La Roma vende anche Manolas e Paredes. Per Kalinic è un derby tra Milan e Inter

Rilancio dei rossoneri per la punta della Fiorentina: 22 milioni. Nerazzurri su Skriniar

«Il guaio non è vendere, ma comprare male. Al suo arrivo a Roma Monchi fece subito intuire quale sarebbe stato il leit-motiv del mercato giallorosso. Vendere, possibilmente bene. E ieri lo ha fatto concludendo la doppia cessione di Manolas e Paredes allo Zenit di Mancini, un'operazione che permetterà alla Roma di incassare 65 milioni di euro. Che, sommati ai 42+8 provenienti dalla vendita di Salah al Liverpool, fanno lievitare la cifra a quota 115. Sacrifici necessari per colmare un buco di bilancio da 53,4 milioni, ai quali ne vanno sommati un'altra ventina per i riscatti di Bruno Peres, Juan Jesus e Mario Rui.

I tifosi, preoccupati, hanno iniziato ad ironizzare sui social su quale sarà il prossimo giocatore a lasciare Roma. Nel frattempo tra oggi e domani si chiuderà un altro acquisto, quello di Rick Karsdorp, con Baldissoni e Monchi in Olanda per definire l'affare col Feyenoord. Un nome che (come quelli di Pellegrini e Seri del Nizza) non scalda i cuori dei romanisti, che si chiedono cosa sarebbe successo se i giallorossi avessero chiuso terzi senza incassare i 50 milioni di euro per la qualificazione diretta ai gruppi della Champions...

Anche l'Inter vende. O perlomeno, ci prova. Il primo a lasciare sarà Gabigol: «Andrà in prestito, così abbiamo concordato», ha ammesso l'agente Wagner Ribeiro. Pronta per lui una maglia al Porto. Jovetic e Banega invece sono finiti sul taccuino del Siviglia: il presidente degli spagnoli José Castro ha ammesso l'interesse ma resta da limare una grossa differenza tra domanda e offerta. Intanto dai social network arriva un segnale, probabilmente definitivo, del prossimo approdo di Milan Skriniar in nerazzurro: il difensore slovacco della Sampdoria ha postato su Instagram una foto dell'allenamento della nazionale impegnata nell'Europeo under 21, mettendo un «mi piace» su un commento chiaro ed esplicito di un tifoso interista che ha scritto «ti aspettiamo». Tra domani e martedì si chiuderà l'operazione: alla Sampdoria 20 milioni più il cartellino di Caprari.

Milano potrebbe essere anche la nuova meta di Nikola Kalinic: ieri è arrivato in città Tomislav Erceg, ex giocatore di Ancona e Perugia che cura gli interessi della punta della Fiorentina. Incontrerà l'intermediario Fali Ramadani, che lo aggiornerà sulle proposte ricevute da Inter e Milan. La richiesta della Fiorentina è di 30 milioni di euro, i rossoneri si sono spinti fino a 22 più bonus. Kalinic vuole un quadriennale da 3 milioni di euro più bonus a stagione, il Milan non va oltre i 2,5. Si tratta, dunque. Dai rossoneri si allontana invece Lucas Biglia, perché se col giocatore è già trovato l'accordo Lotito continua invece a essere un ostacolo. La Lazio chiede 20 milioni, il Milan non va oltre i 13 più bonus. Pronte due alternative: la prima è Grzegorz Krychowiak del Psg (prestito con diritto di riscatto a 20 milioni), la seconda è Milan Badelj. Per lui costi più contenuti (circa 7 milioni), con l'aggiunta di Kucka quale possibile contropartita tecnica.