Per Rossi obiettivo Sachsenring e speranza Lorenzo

Vigilia del Gp di Germania e, su un percorso mai amato, Valentino Rossi spera in una bella prestazione. Per il Pesarese speranze anche di un futuro rinnovo per Lorenzo. Lontano dal prolungamento con la Ducati, invece, Dovizioso

Per Rossi e Lorenzo futuro ancora insieme?

Valentino Rossi, che ha appena messo "nero su bianco" l'intesa con la Yamaha e correrà con il colosso nipponico per almeno altre due annate, ha detto la sua sul rinnovo di Jorge Lorenzo.

Il rinnovo dello Spagnolo è ancora in forse e The Doctor ha fatto presente che la sua speranza è che Lorenzo non vada via. Il Pesarese ha dichiarato che da quando ha fatto ritorno alla Yamaha, dopo la brutta parentesi con la Ducati, è molto soddisfatto del lavoro svolto e si sente molto maturato rispetto a tre anni fa. Poi ha espresso la propria soddisfazione anche relativamente al fatto che lui e l'Iberico vengono trattati allo stesso modo e si è detto orgoglioso di essere davanti a lui nella classifica generale. Rossi spera che Lorenzo non cambi scuderia perché oltre ad esser un pilota molto forte ed un valore aggiunto per la casa nipponica, è anche uno stimolo per lui a fare sempre meglio.

In attesa di comprendere quale sarà il futuro del compagno di squadra, l'obiettivo principe di Rossi, visto che Marquez pare inarrivabile, è quello di consolidare il secondo posto nella classifica iridata, ponendo fine fin dal GP di Germania alla coabitazione con Pedrosa. Uno stimolo in più per fare bene sul circuito del Sachsenring sarà sicuramente la consapevolezza che se dovesse finire sul podio sarà il primo pilota della storia ad aver totalizzato più di 4.000 punti nell'arco della propria parabola agonistica. Tuttavia Valentino, il quale spera ovviamente in un risultato positivo, ha ammesso che quella del Sachsenring, pista molto complicata, non è tra le sue predilette e che per fare un ottimo risultato, cosa che comunque gli è già riuscita in passato, dovrà impegnarsi al massimo.

Il suo compagno di squadra, che è quinto nella classifica di questa annata, torna a gareggiare qui a due anni dall'ultima volta. Tutti ricorderanno, infatti, che nella scorsa annata fu costretto a saltare il GP per un incidente nelle libere. Lo Spagnolo, che prima di allora aveva ottenuto per quattro edizioni di fila il secondo posto, spera di riuscire a dimenticare la brutta prova fornita ad Assen e si è detto molto concentrato. Il Sachsenring non è tra le piste che predilige, a maggior ragione dopo l'incidente dell'anno scorso, che lo costrinse ad andare sotto i ferri per sistemare la spalla. Tuttavia Lorenzo si mostra ottimista sull'esito della gara di quest'anno.

Lorenzo e Rossi non sono i soli a sperare in un buon piazzamento qui in Germania. Tra chi non vede l'ora di correre c'è anche Dovizioso, il quale nell'ultimo GP ha portato in dote alla Ducati una seconda piazza che mancava dal 2012. Il pilota è anch'esso al centro del mercato e non ha chiuso la porta ad un eventuale addio a fine stagione. Dovizioso ha, infatti, dichiarato che l'esperienza che sta vivendo è:

"Finora stata molto positiva da un punto di vista umano e dei risultati" ma, allo stesso tempo, ha fatto presente che "non può non considerare tutte le possibilità per il futuro prossimo venturo".

E Marquez? Lui sarà senza dubbio l'uomo da battere, ma ovviamente da parte sua vi è tutta l'intenzione di vincere la nona gara su altrettante disputate in questa annata e migliorare ancora il suo incredibile record. Il fenomeno di Cervera è l'ovvio favorito, avendo vinto qui negli ultimi quattro anni, in tutte le classi. Se dovesse ripetersi anche questa domenica, arriverebbe ad aver vinto metà dei GP in programma quest'anno: un record mostruoso.