Salah, da bomber a meteora. Ora non è più insostituibile

Per Klopp è ancora il titolare, ma è meno lucido sottoporta. E poi l'errore con il Psg...

Sono bastati meno di due mesi per stravolgere il giudizio. Da formidabile capocannoniere continentale a meteora di una sola stagione. I tifosi del Liverpool restano compatti al suo fianco, ma il fatto che l'appoggio a Mohamed Salah sia arrivato tramite un sondaggio del quotidiano locale rivela la caducità della gloria calcistica. Dopo nove partite stagionali, il talento egiziano è fermo a tre gol e due assist. Numeri non così negativi, eppure sufficienti per far scattare l'allarme. E poco importa che rispetto all'anno scorso - dopo lo stesso numero di gare - Salah sia indietro di una sola rete. L'ultima strepitosa stagione, conclusa con 44 gol, ha evidentemente alzato le aspettative in maniera forse eccessiva. Non mancano le giustificazioni alla sua partenza rallentata: Salah ha saltato quasi interamente la preparazione estiva, iniziando la stagione senza aver completamente smaltito le tossine (e la delusione) del Mondiale.

Sottoporta, anche nell'ultima uscita contro il Chelsea, appare meno lucido e reattivo che in passato. Ma sono soprattutto le sue prestazioni discontinue, spesso ai margini della manovra, a sollevare più di una perplessità. Per il momento però Klopp lo ha sempre difeso, schierandolo titolare, e liquidando la presunta crisi come «una pura follia». Eppure Salah da intoccabile è retrocesso a pedina «sostituibile». Nell'esordio di Champions contro il Psg, una sua leggerezza ha propiziato il gol dei francesi. Prima di essere richiamato in panchina, proprio come capitato 3 giorni fa a Stamford Bridge. Perché nel frattempo chi sembrava confinato al ruolo di comprimario, Sturridge, è tornato protagonista, portando a 4 le reti stagionali dopo il pari in casa dei Blues. Stesso bottino di Mané, architrave dell'attacco dei Reds. Con Firmino mai in discussione, alla vigilia della gara di Napoli diventa così Salah il meno sicuro di una maglia da titolare. A Liverpool anche l'ex leggenda Carragher (737 partite con i Reds) auspica un turno di riposo per l'egiziano.