Dal saluto nazista in Grecia all'interessamento del Novara: bufera su Georgos Katidis

Per i dirigenti del Novara, il centrocampista greco escluso dalle nazionali del suo Paese per un saluto nazista merita una seconda chance

Georgos Katidis merita "una scenda chance". È questa l'opinione di Massimo De Salvo, l’ad del Novara che sta definendo l’acquisto del centrocampista greco escluso dalle nazionali del suo Paese per un saluto nazista. "Non abbiamo nessuna intenzione di minimizzare il gesto, che condanniamo", scrive il dirigente sul sito internet del club dopo le polemiche sollevate dall’accostamento del giovane greco alla squadra appena retrocessa in serie B.

"Abbiamo visto un ragazzo scioccamente inconsapevole del gesto che stava facendo e che ora è perfettamente conscio del significato e del dramma che ha rappresentato", scrive De Salvo, che parla di "un’operazione di mercato importante dal punto di vista tecnico". "La politica per noi rimane fuori dal calcio, la memoria no e crediamo che l’intolleranza si debba combattere ricordando ai nostri ragazzi quello che è successo nella storia affinché non succeda mai più", ha infine sottolineato il dirigente del Novara.

"In un momento così particolare, il calcio italiano, alle prese con episodi sempre più diffusi sugli spalti e sulle curve, credo non abbia bisogno di nuovi trascinatori delle folle". Così Vittorio Pavoncello, presidente del Maccabi, l’associazione sportiva ebraica italiana, commenta l’arrivo al Novara del centrocampista greco precisando che "l’emulazione è dietro l’angolo e i dirigenti, prima ancora dei tifosi, devono avere la lungimiranza di evitare situazioni particolari ed antipatiche, che possano offendere atleti, spettatori e tifosi".

"Nessuna squadra italiana ospiti il calciatore filo nazista Georgos Katidis, il giovane centrocampista greco escluso dalle nazionali del suo paese per aver fatto il saluto nazista in campo": questo l’appello del Parlamentare Pd Dario Ginefra.

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Ven, 21/06/2013 - 13:58

Se avesse alzato la mano a pugno chiuso ,gli avrebbero aumentato lo stipendio.

vigpi

Ven, 21/06/2013 - 14:03

a parte il fatto che con quello che i greci hanno passato negli anni di occupazione nazista sarebbero stati loro a dover rompere il c..o a un tale pirla

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 21/06/2013 - 14:05

perche' saluto nazista? a me sembra un saluto fascista e cio' mi va benissimo. non vedo il motivo per il quale uno che saluta col pugno chiuso alzato e' accettato mentre chi fa il saluto fascista deve essere emarginato. Infine, chi e' Dario Ginefra parlamentare del pd? crede di essere nella vecchia unione sovietica per poter lanciare dei diktact simili?

Ritratto di stufo

stufo

Ven, 21/06/2013 - 14:16

Terribile, un saluto nazista. Terribile. Quelli col pugno chiuso che continuano a far danni sono forse meglio ?

epc

Ven, 21/06/2013 - 14:19

L'"appello" del Parlamentare Pd Dario Ginefra mi sembra molto più fascista del saluto di 'sto tal Katidis.

Cinghiale

Ven, 21/06/2013 - 14:26

@marforio Ven, 21/06/2013 - 13:58 - Magari lo stipendio no, ma una pacca sulla spalla ed un bravo non glieli avrebbe tolti nessuno.

egi

Ven, 21/06/2013 - 14:44

Per par condicio saluti con il braccio alzato e il pugno chiuso così non gli romperanno più le palle

laMIGLIOREopinione

Ven, 21/06/2013 - 15:05

forse molti non hanno capito che questo movimento assassino è finito, per fortuna! c'è ancora qualcuno che alza la mano destra per innegiare a cosa? boh! c'è troppo odio nel calcio, non abbiamo bisogno di un fascistello

max pc

Ven, 21/06/2013 - 15:06

Ricordo qualche anno fa a trieste, in occasione della famosa partita Italia - Serbia , tutti i giocatori della nazionale serba salutare i propri tifosi con il famoso saluto nazista delle tre dita, a significare Dio Patria e famiglia, ed esattamente come si salutavano tra loro le famigerate tigri di arkan.. Be' in quell'occasione nessuno fu squalificato o radiato, ma ci fu addirittura qualcuno che lo giustifico' come un " adesso gli diamo 3 gol ". Per cui, se il Novara calcio intende tesserare il giocatore, liberissimo di farlo. Qual'e' il problema? E' lecito mostrare chiappe, tette finte, e lingue varie durante i gay pride e ci si scandalizza per un braccio teso. Assurdo !

Ritratto di tethans

tethans

Ven, 21/06/2013 - 15:17

L'ipocrisia e sempre vigile .. Il saluto fascista ho detto romano sarebbe il Saluto al dio SOLE che porta fortuna .. Il saluto a pugno chiuso chiamato saluto comunista in realtà e il fistfuking .. Ciò un pugno su per il c..o

laMIGLIOREopinione

Ven, 21/06/2013 - 15:26

Fascista schifoso! non merita di giocare in Italia, che è un paese che RIFIUTA e RIPUDIA il fascismo.

laMIGLIOREopinione

Ven, 21/06/2013 - 15:26

Fascista schifoso! non merita di giocare in Italia, che è un paese che RIFIUTA e RIPUDIA il fascismo.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 21/06/2013 - 15:54

@laMIGLIOREopinione, purtroppo e' vero. Ed infatti ha visto dove e' finita l'Italia?

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Ven, 21/06/2013 - 15:59

Va beh.. il verduriere non gli venda la verdura, il panettiere guai se gli da il pane, il farmacista..."non si danno medicinali ai fascisti!" Il medico, "che crepi, fascista di merda!" Avete altri esempi di comportamento da indicare? forza compagni...un Gulag ....va bene? mi raccomando non scrivete le solite puttanate tipo..."non è degno di giocare in Italia" perchè anche se non gioca in Italia lui esiste comunque..oppure volete....spero di no!

vince50

Ven, 21/06/2013 - 16:47

Saluto nazista certamente no,ma se si può definire Fascista mi associo al 100%.Se si può salutare con il pugno chiuso,IO VOGLIO SALUTARE CON BRACCIO TESO E MANO APERTA,e nessuno me lo impedirà mai neppure i "veri dittatori" rossi.

MMARTILA

Ven, 21/06/2013 - 16:56

A noi!!!

silvanociaranfi

Ven, 21/06/2013 - 17:52

Scusate amici, il saluto nazista é lo stesso messo in atto nell'antica Roma. Il nazismo come il fascismo, lo hanno fatto proprio, ma non é vero, lo hanno copiato dai romani. Un altro distintivo che fa orrore é quello delle SS. Andate a visitare il Santuario di Aquileia (Ud. Lì trovate lo stesso segno in alcune sculture di epoca romana, cioé già gli antichi romani lo avevano. Per favore, andate a vedere la basilica e accertatevene di persona. A mio modo di vedere, é l'uso che se ne fa che é sbagliato. Cordialità Silvano

Ritratto di nero60

nero60

Sab, 22/06/2013 - 01:18

non era un saluto nazifascista, l'angolazione del braccio non era regolamentare, secondo le norme europee!!!!

franco@Trier -DE

Gio, 27/06/2013 - 16:12

dario ginefra, però quelli che salutano con il pugno si?