Sci, doppietta azzurra a Killington: trionfa Bassino, seconda Brignone

Marta Bassino conquista la prima vittoria in carriera nello slalom gigante nel Vermont, secondo posto per Federica Brignone

Straordinaria doppietta azzurra negli Stati Uniti: Marta Bassino trionfa nello slalom gigante di Killington chiudendo davanti a Federica Brignone.

L'Italia grande protagonista a Killington, tappa della Coppa del Mondo di sci alpino femminile. Marta Bassino ottiene il primo successo in carriera nello slalom gigante sulla pista nordamericana precedendo Federica Brignone. Uno splendido successo, arrivato grazie ad una sorprendente prima manche: nella seconda invece gestisce con saggezza il vantaggio e taglia il traguardo in 1'38"19. La 23enne piemontese, cinque podi in carriera ma mai sul gradino più alto del podio, è riuscita finalmente a mostrare appieno le proprie capacità in entrambe le manches e diventa la settima italiana a vincere un gigante di Coppa del mondo femminile dopo Deborah Compagnoni, la stessa Brignone, Denise Karbon, Karen Putzer, Sabina Panzanini e Claudia Giordani.

Alle sue spalle una convincente Brignone: la valdostana, settima a metà gara, ha realizzato il miglior tempo nella seconda, guadagnando la bellezza di cinque posizioni, fino a cedere alla compagna di squadra per soli 26 centesimi. La pista Superstar di Killington si conferma ancora una fenomenale terra di conquista per l'Italia dopo la vittoria della Brignone nel 2018. La sconfitta di giornata è Mikaela Shiffrin: la campionessa di casa puntava a raggiungere quota 62 trionfi per agguantare Anne Marie Moser-Proell nella graduatoria delle plurivincitrici ma non è andata oltre il terzo posto e deve rinviare l'aggancio allo slalom di domenica. Bene anche Sofia Goggia, che col pettorale 54 chiude alla fine 11esima.

Dopo il trionfo è incontenibile la gioia della Bassino: ''E' stata una gara bellissima, che ricorderò che tutta la vita. Sono finalmente riuscita a mettere insieme due manches in giornata difficile, perchè l'ordine d'arrivo racchiude le prime classificate nello spazio di pochi decimi. Ho cercato solamente di spingere il più forte possibile, senza pensare troppo". Una vittoria indimenticabile che può rappresentare una svolta: ''Quando ho visto la luve verde vicino al mio cognome non ho capito più niente, festeggiare insieme a Federica Brignone mi regala ulteriore orgoglio. Spero che questo sabato rappresenti la svolta della mia carriera, sapevo che avevo nei piedi un risultato del genere, mi mancava la scintilla che trasformasse in oro ciò che compio ogni giorno. Adesso ho tanta fiducia che non voglio disperdere, devo solo continuare a lavorare. Dedico questo successo a tutto il nostro team, a tutta la mia famiglia che mi segue sempre e a Roberta Melesi che si è infortunata e le auguro di tornare al più presto al top".

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?