Sergio Ramos "Il fallo su Salah? Avrebbe potuto giocare con un'infiltrazione"

Sergio Ramos ha risposto alle accuse per il fallo commesso su Salah: "Prima dicono che ho fatto una mossa di judo, il portiere dice che ha avuto una commozione cerebrale, ci manca solo che Firmino dica che ha preso il raffreddore per una mia goccia di sudore"

Sergio Ramos è stato uno dei giocatori più insultati negli ultimi dieci giorni per via del fallo commesso su Mohamed Salah che ha mandato ko la spalla del talento egiziano. L'ex Roma e Fiorentina è stato costretto ad uscire nel corso della finale di Champions League e nei giorni a seguire in Egitto in tanti si sono scatenati chiedendo risarcimento danni o aprendo alcune petizioni per non permette al difensore spagnolo di prendere parte al Mondiale in Russia. Fortunatamente Salah sembra aver recuperato ed è stato convocato da Cuper ma Sergio Ramos ha voluto togliersi qualche sassolino dalla scarpa per le offese ricevute in queste due settimane.

Sergio Ramos, in occasione della presentazione della programmazione Mediadet per il Mondiale, ha attaccato: "Non ho voluto parlare del tema perché alla fine si ingigantisce il tutto ma rivedendo l'azione bene si nota che Salah mi prende il braccio per primo, io cado dall'altra parte e lui si fa male l'altro braccio. E così dicono che io ho fatto una mossa di judo. Poi il portiere dice che ha avuto una commozione cerebrale per uno scontro con me. Manca solo che Firmino dica che aveva un raffreddore a causa di una mia goccia di sudore. Ho parlato attraverso messaggi con Momo e sta abbastanza bene. Se avesse fatto un'infiltrazione avrebbe giocando anche il secondo tempo. Io in altre occasioni l'ho fatto, non era una cosa così grande ma quando fa qualcosa Ramos si nota sempre un po' di più".