Serie B, ufficiale l'esclusione del Palermo: ripescato il Venezia

Il club rosanero è stato escluso dal campionato dopo il parere negativo Covisoc. Intanto pubblicato il bando per ripartire dalla Serie D, Massimo Ferrero lancia la propria candidatura

Adesso è ufficiale il Palermo è stato escluso dal prossimo campionato di Serie B, al posto del club rosanero è stato ripescato il Venezia.

L'esclusione è stata decretata dal Consiglio Federale della Figc, in corso di svolgimento a Roma dopo le valutazioni della Covisoc, che aveva dato parere negativo all'iscrizione dei siciliani per una serie di irregolarità contestate, tra le quali il ritardo nel presentare la fideiussione per l’iscrizione al torneo, i debiti nei confronti della Lega Serie B e della Figc, oltre che il mancato pagamento di alcuni stipendi. Buone notizie per il Venezia del presidente Joe Tacopina, retrocesso dopo la sconfitta ai rigori contro la Salernitana, riammesso in serie cadetta.

Finisce con l'epilogo peggiore la lenta agonia del club rosanero, che dopo gli anni d'oro dell'era Zamparini lascia il calcio professionistico e sarà costretto a ripartire dalla Serie D. Intanto proprio oggi il sindaco Leoluca Orlando ha presentato il bando per l'individuazione della nuova società sportiva che prenderà il titolo sportivo del Palermo. Diversi i paletti per la manifestazione di interesse: onorabilità, solidità finanziaria, 300 mila euro a garanzia dell'iscrizione alla D, piano finanziario triennale per provare ad arrivare in B e per lo sviluppo di giovanili e squadra femminile.

Nel frattempo Massimo Ferrero, impegnato nella vendita della Sampdoria e da tempo intenzionato a rilevare il club, è sbarcato nel capoluogo siciliano proprio per partecipare al bando per l'assegnazione del titolo sportivo ha subito dichiarato: ''Vedremo chi avrà più qualità, numeri, voglia e serietà per portare questa città dove merita. Il progetto lo presenteremo al comune e siamo sicuri che Orlando farà il bene della città. Ai tifosi dico che se vincerò il bando non li deluderò'', lanciando una seria candidatura per l'assegnazione del titolo, che avverrà alla scadenza del bando il 23 luglio alle ore 20.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Commenti

Ernestinho

Ven, 12/07/2019 - 18:28

Questo non è calcio, è casino!