Serie A, Fiorentina-Frosinone: 4-1

La Fiorentina asfalta il Frosinone e aggancia l’Inter in vetta alla classifica. I viola si impongono per 4-1 in un match senza storia, deciso già nel primo tempo con i gol di Rebic, Rodriguez, Babacar su rigore e Mario Suarez

La Fiorentina asfalta il Frosinone e aggancia l’Inter in vetta alla classifica. I viola si impongono per 4-1 in un match senza storia, deciso già nel primo tempo con i gol di Rebic, Rodriguez, Babacar su rigore e Mario Suarez. Paulo Sousa opta per un ampio
turnover e in attacco si affida all’unica punta Babacar, supportato alle spalle da Borja Valero e Mati Fernandez. Il gioco della Fiorentina comunque non risente dei molti cambi di formazione, anzi. Davanti al premier Matteo Renzi, in tribuna con Andrea Della Valle, i viola regalano spettacolo e in mezz’ora mettono in cassaforte i tre punti con altrettanti gol. L’esordiente Zappino tiene in vita gli ospiti in avvio con un paio di parate determinanti su Babacar, ma nulla può al 24’ sul tiro-cross di Rebic che regala il vantaggio alla Fiorentina. L’1-0 è fortuito, ma il vantaggio è strameritato e subito dopo il gol Rebic va vicinissimo al raddoppio con una conclusione dal limite che si stampa sul palo. Per il 2-0, comunque, non bisogna aspettare molto. Ci pensa Gonzalo Rodriguez al 29’ con un pregevole colpo di tacco sul primo palo sul corner battuto da Mati Fernandez. E allo scoccare della mezz’ora la Fiorentina cala il tris su rigore, concesso dall’arbitro Fabbri per un fallo di Diakitè su Mati Fernandez e trasformato con un ’cucchiaiò da Babacar.

Il Frosinone non trova nemmeno la forza per abbozzare una reazione e al 43’ si sblocca anche Mario Suarez, che firma il suo primo gol in serie A e il quarto per la Fiorentina sfruttando un disimpegno errato di Diakitè e battendo Zappino con un destro piazzato. La ripresa è poco più di un allenamento per i viola. Paulo Sousa ne approfitta per vedere nuovamente all’opera Rossi e per fare esordire il portiere Lezzerini. I padroni di casa sfiorano il quinto gol all’83’ con Verdù, entrato a inizio secondo tempo al posto di Babacar, che centra la traversa con un sinistro a giro. Il Frosinone segna il gol della bandiera all’87’ con Frara e nel recupero potrebbe alleggerire ulteriormente il passivo con Verde, che fa tremare la traversa con un bel sinistro al volo dal limite. Dettagli irrilevanti per il pubblico del Franchi, che torna a sognare in grande.