Serie A, Torino Lazio 0-2

Felipe Anderson stende il Torino con una doppietta e il sogno Champions della Lazio prende sempre più forma

Felipe Anderson stende il Torino con una doppietta e il sogno Champions della Lazio prende sempre più forma. Il brasiliano sale in cattedra nella ripresa e firma il 2-0 che fa volare i biancocelesti a +3 sul Napoli. Il terzo posto in solitaria è
un’iniezione di fiducia per la squadra di Pioli, che approfitta alla grande del passo falso degli azzurri sul campo del Verona. Nel primo tempo la Lazio tiene in mano il pallino del gioco, ma la migliore occasione è per i granata alla mezz’ora: cross dalla sinistra di Gaston Silva, incornata di Amauri respinta alla grande da Marchetti e Martinez di testa sbaglia il tap-in mandando sul fondo. La partita si sblocca nella ripresa e per gli ospiti inizia la festa. Dopo circa un’ora di gioco Pioli manda in
campo Keita al posto di Mauri e il neo-entrato si divora subito una clamorosa chance per il vantaggio sprecando un assist d’oro di Felipe Anderson.

Il brasiliano allora decide di fare da solo e a mezz’ora dal termine sale in cattedra piazzando un micidiale uno-due che piega le gambe al Torino. Lo show del n.7 biancoceleste inizia al 71’: dribbling ai danni di Maksimovic, destro all’angolino e 1-0. Il Torino abbozza una reazione ma al 78’ il fuoriclasse della Lazio concede il bis sfruttando l’assist di Klose dopo una veloce ripartenza: Padelli non può nulla sul sinistro del brasiliano, che firma il 2-0 e mette in cassaforte i tre punti. Nel finale il Torino non ha più la forza per reagire e la Lazio può sognare in grande.