"Sesso con una minorenne": ammissione del calciatore inglese Adam Johnson

Scandalo in premier League: l'ala del Sunderland si dichiara colpevole delle accuse di adescamento di minori. Era stato arrestato a marzo e poi rilasciato su cauzione

L'ala del Sunderland Adam Johnson

L'ala inglese del Sunderland Adam Johnson è finito nella bufera per aver ammesso pubblicamente di aver avuto rapporti sessuali con una bambina.

Il 28enne centrocampista britannico, con un passato anche al Manchester City e dodici presenze in nazionale, si è dichiarato colpevole nel processo che lo vede imputato per rapporti sessuali con una bimba con meno di sedici anni e adescamento di minori. L'ammissione, racconta The Independent, è giunta oggi nel corso dell'udienza di fronte alla Corte della Corona di Bredford.

Il 2 marzo dell'anno scorso era stato arrestato con l'accusa di aver avuto rapporti sessuali con una minorenne, venendo liberato su cauzione il giorno dopo. All'epoca la sua società di appartenenza lo sospese dalla prima squadra, ma dopo poco più di due settimane venne reintegrato in rosa.

Ora che è giunta l'ammissione, anche se parziale, di colpevolezza, si aspetta di capire quale sarà la reazione del Sunderland in attesa della sentenza definitiva del giudice.