Il Settebello rilancia la caccia all'oro

«A Kazan speriamo nuovamente di stupire il mondo». Questo il messaggio lanciato dal capitano del Settebello Stefano Tempesti, il veterano della Pro Recco che da molti anni ormai difende i pali della Nazionale azzurra.

Scatterà infatti stasera il Mondiale della formazione guidata dal ct Sandro Campagna, che all'esordio affronta la Grecia. Il cittì del Settebello teme l'esuberanza ellenica: «Sono un avversario ostico ed è meglio incontrarli subito perchè anche loro soffrono le prime partite. Sanno giocare bene a pallanuoto e quindi sarà una sfida combattuta».

Hanno destato perplessità alcune delle scelte di Campagna, che ha deciso a sorpresa di lasciare a casa i giocatori mancini della squadra. Il capitano del Settebello ha commentato così questa decisione: «Il ct ha sempre fatto le scelte migliori, con correzioni in corso. Quest'anno venire a Kazan senza un mancino è la cosa migliore per noi. Quello che ci ha contraddistinto - ha aggiunto il portiere della Pro Recco -, è stata la fiducia in quello che Sandro ci diceva e ci faceva fare. E i risultati lo dimostrano».

Sotto la guida dell'allenatore siciliano, il Settebello ha conquistato l'oro iridato a Shanghai 2011 e l'argento olimpico nell'ultima edizione dei Giochi di Londra, ma è restato giù dal podio nella rassegna mondiale di Barcellona, dove abbiamo concluso al quarto posto. In Russia gli avversari non mancheranno: dalla Croazia alla Serbia, dall' Ungheria al Montenegro; comunque non sono da sottovalutare nemmeno gli Usa, l'Australia e la stessa Grecia, formazioni che stanno vivendo una crescita esponenziale. Nel corso degli anni il Settebello ha sempre regalato grandi emozioni e un gioco piacevole di squadra in linea di "tempi". Perchè la coesione del gruppo porta sempre benefici. Vedremo se regalerà anche una medaglia.

Dalla pallanuoto ai tuffi: Tania Cagnotto, dopo la delusione del sincro, ha conquistato la finale nel trampolino da un metro. La 30enne bolzanina, campionessa d'europa in carica, ha chiuso seconda dietro la cinese Shi Tingmao. La finale è in programma domani.