Lo sfogo di Allegri: "Non sono un matto"

Il tecnico bianconero dopo lo stop col Napoli: "Mi danno del matto ma non sono preoccupato. Non rimprovero nulla ai ragazzi, ci sono momenti così". Poi twitta ai tifosi

"Mi danno del matto ma non sono preoccupato. Non rimprovero nulla ai ragazzi, ci sono momenti così". Così Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, commenta ai microfoni di Premium Sport la sconfitta contro il Napoli al San Paolo. "Nel calcio
capitano queste cose. Purtroppo mancano i punti, ma non possiamo arrenderci", ha aggiunto il tecnico bianconero.

"Abbiamo concesso 5 contropiedi al Napoli. Abbiamo giocato con coraggio e adesso dobbiamo pensare alla partita di mercoledì. Abbiamo giocato contro un bel Napoli, sapevamo che la gara sarebbe stata difficile ma stasera sono molto più sereno
rispetto ad altre volte", dichiara ancora Allegri. "Nella vita e nel calcio capitano i momenti di difficoltà, bisogna lavorare e cercare di superarli. Adesso serve positività per le prossime partite. Sono abbastanza lucido, stasera non rimprovero niente ai ragazzi. Cinque punti sono pochi ma la classifica non si può cambiare, possiamo fare solo delle vittorie". "Stasera ho visto anche una crescita sul piano della personalità. Cosa manca rispetto alla Juve dello scorso anno? I punti. Io vedo la partita nel mio modo, conta solo quello che vedo io e in questi anni ho quasi sempre avuto ragione", insiste Allegri. "Cuadrado? Quando è entrato abbiamo giocato con lui e Morata dietro Zaza, poi ha fatto il terzino nel finale. Speriamo di recuperare tutti il prima possibile. Le squadre si giudicano dopo i risultati, io devo farlo dopo la prestazione, non voglio facce da funerale", conclude Allegri." C’è bisogno che tutti i tifosi abbiano fiducia in questa Juve". Dopo la sconfitta col Napoli, la terza in sei partite, Massimiliano Allegri si rivolge al popolo bianconero. "Le difficoltà vanno affrontate assieme - aggiunge su Twitter il tecnico Juventino - partendo dagli aspetti positivi".